Aula: vaccini, Saccardi “è un dovere farlo, non ho tolto nulla a nessuno”

https://testcovid.costruiresalute.it/

Aula: vaccini, Saccardi “è un dovere farlo, non ho tolto nulla a nessuno” 

L’assessore ha risposto a un’interrogazione presentata dal consigliere di Forza Italia Marco Stella

di Cecilia Meli, 15 marzo 2021

Firenze – La vaccinazione contro il Covid-19 a cui si è sottoposta recentemente la vicepresidente della Giunta regionale Stefania Saccardi, in quanto iscritta all’albo degli avvocati, è stata l’oggetto di un’interrogazione presentata dal consigliere di Forza Italia Marco Stella.

Stella ha chiesto a Saccardi “da quanto tempo non svolge la professione di avvocato” e se ritenga opportuno “essersi sottoposta al vaccino visto che tanti cittadini toscani ancora non lo possono fare”.

 

L’assessore ha risposto in Aula denunciando di aver ricevuto nei giorni scorsi, giorni “in cui si è detto tutto e il contrario di tutto”, “un numero incredibile di offese”. “Trovo strano che si parli della questione adesso, in un momento in cui si sono registrate 4mila100 disdette per la vaccinazione con AstraZeneca – ha detto Saccardi – e in cui il commissario Figliuolo ha affermato che bisogna vaccinare chiunque perché l’obiettivo è la copertura più larga possibile”.

 

“La stessa interrogazione afferma ‘considerato il fatto che a tutti gli iscritti all’albo degli avvocati spetta il diritto a vaccinarsi’ e la mia risposta si potrebbe fermare qui – ha proseguito la vicepresidente -. Sono iscritta, quando è arrivato il mio turno mi sono vaccinata. A nessun altro, né medici né avvocati né insegnanti e così via, è stato chiesto se esercitassero o se fossero in pensione o altro. Sottolineo che mi sono vaccinata con AstraZeneca, che si è stabilito, perlomeno al momento in cui l’ho fatto, che non potesse andare agli anziani e alle persone fragili. Quindi non l’ho tolto a qualcuno che ne avesse bisogno più di me”. “Il problema sta nel fatto che io ho detto pubblicamente di essermi vaccinata, mentre tanti altri, anche in quest’Aula, lo hanno fatto di nascosto – ha concluso -. Io mi sono assunta le mie responsabilità e ritengo che nel momento in cui il vaccino si può fare sia doveroso farlo, tanto più per chi lavora nelle istituzioni”.

 

“Lei ha sbagliato e la vedo in imbarazzo” ha replicato Stella. “A nessuno è stato chiesto se esercitasse perché nessuno come lei fa il vicepresidente della Giunta regionale, quella Giunta che, caso unico in Italia, ha stabilito che gli avvocati dovessero avere la precedenza nella vaccinazione – ha aggiunto il consigliere -. E non è vero che il vaccino che si è inoculato lei non poteva andare a nessun altro: ci sono migliaia di persone che ancora aspettano e che sono esposti al rischio più di lei perché lavorano con il pubblico, dai cassieri dei negozi agli autisti, oppure i parenti di disabili e di persone particolarmente fragili”.

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*