Nuovi delegati Fisdir Sicilia

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 3 minutes

Inizia una nuova avventura come delegati Fisdir Sicilia, rispettivamente di Palermo e Trapani, per Germano Bondì, attuale presidente ENDAS Sicilia, e Valeria Ferrante dell’Associazione Sportivamente che, nelle loro progettualità, hanno dimostrato di avere le idee ben chiare su ciò che riguarderà il loro lavoro attivo sul territorio in cui opereranno e le loro prospettive in termini di sviluppo, miglioramento e crescita dell’attività paralimpica siciliana sia locale che regionale.

 


Sono onorata di far parte della grande famiglia Fisdir Sicilia – ha detto Valeria Ferranti – e spero di esserne all’altezza. Sono onorata di rappresentare una grande federazione come la Fisdir in provincia di Trapani e sono grata alla stessa, di avere acconsentito alla nostra Associazione “Sportivamente” di farne parte. Fisdir è sport e lo sport è scambio, è comunicazione, è tanto altro ma in particolar modo è integrazione. Sportivamente  – ha proseguito Ferranti – è un’associazione che nasce per volontà di un’altra realtà operativa sul territorio trapanese ormai da anni, Solidalmente, che si occupa di disabilità e di supportare le tante famiglie che ancora oggi vivono purtroppo in una condizione di esclusione e di emarginazione.

Le attività di cui ci occuperemo saranno pallacanestro, ippoterapia e nuoto, ma saremo aperti a tutte le altre discipline che consentano sempre più l’integrazione alle persone con disabilità. Gli obiettivi prefissati sono molteplici facendo sempre riferimento al concetto di integrazione. L’inserimento dei ragazzi nel mondo dello sport è, ovviamente, un grande successo non soltanto per sé stessi ma anche per le loro famiglie che, ancora oggi purtroppo, subiscono discriminazioni ed emarginazioni a causa del persistere delle barriere mentali. Sportivamente si batte per il superamento di questi grandi ostacoli ed è una buona ed efficace arma nella lotta contro i pregiudizi è proprio lo sport. Tanti giovani atleti con disabilità diverse ed alcune di queste anche gravi, hanno raggiunto traguardi straordinari partecipando anche a campionati regionali e nazionali. Ovviamente, in qualità di delegato Fisdir e rappresentante dell’Associazione Sportivamente, non posso che essere fiera di quanto realizzato a tutt’oggi – ha concluso Ferranti –, ma tutto ciò deve essere una spinta ulteriore per mirare sempre più in alto e per diffondere maggiormente la cultura sportiva, sollecitando sicuramente la collaborazione con le istituzioni del territorio e le scuole”.

“Questa delega che ho ricevuto rappresenta senz’altro una nuova avventura – ha detto Germano Bondì – che mi consentirà di intervenire maggiormente del mondo federale Fisdir Sicilia e, più ampiamente, nel mondo paralimpico anche se lo facevo già come presidente regionale ENDAS: da oggi lo farò con maggiore consapevolezza e responsabilità. La mia/nostra mission sarà quella di creare più ambienti possibili compatibili con la frequenza ed il coinvolgimento degli atleti paralimpici, per dare loro più spazi ed opportunità per lo svolgimento dell’attività sportiva in maniera autonoma e totalmente integrata con quella praticata dagli atleti normodotatiAllo stato attuale – ha sottolineato Bondì – molte delle strutture a disposizione degli atleti e delle società non sono idonee allo svolgimento delle loro attività e, per tale regione, occorrerà adoperarsi per la creazione di strutture adeguate che possano, inoltre, incrementare la partecipazione a vario titolo alle attività sportive paralimpiche, dando sia stabilità che dignità sia agli atleti che alle società operanti in questo ambito sul nostro territorio. Le attività che intenderemo supportare – ha precisato Bondì – saranno principalmente quelle del judo, del tennis e del tennistavolo, ma anche il settore della pesistica e del basket sono molto interessanti: non ci precludiamo nullaPer il 2022 – ha concluso Bondì – ho l’obiettivo molto ambizioso, che mi auguro possa diventare realtà, di creare una location in cui tutti gli atleti paralimpici possano svolgere la propria attività sportiva, pubblica o privata che sia, che possa diventare un hub volta al rilancio dello sport paralimpico nella nostra città di Palermo.

 

 

 

 

 

 

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*