[Salute] Celiachia: Prevenirla si può

https://testcovid.costruiresalute.it/

di Elena Manzini

CELIACHIA-1-Copia
REDAZIONE, 30 GIU – E’ un dato certo che a causa del modo di vivere attuale basato sullo stress, su un’alimentazione povera di sostanze nutrienti ma ricca di grassi di cui spesso si ignora la provenienza, i pranzi mordi e fuggi, hanno portato via via all’evolversi di alcune forme di intolleranza, allergie alimentari. Fra queste la celiachia (malattia autoimmune dell’intestino tenue, che si verifica in individui di tutte le età e geneticamente predisposti). Ancora una volta la natura ci viene in aiuto con il grano monococco”. Conosciuto anche come “piccolo farro” contiene glutine ma più fragile rispetto al grano tenero, il che lo porta ad essere più digeribile e meno tossico per l’organismo umano. Le sue origini risalgono a più di 10.000 nni fa. Era alla base della dieta degli agricoltori sino a quando venne sostituito dal grano tenero e duro che si rivelarono più redditizi economicamente e più facili da coltivare.
Alcuni ricercatori hanno riprodotto in vitro il processo di digestione gastrointestinale con cellule prelevate da soggetti celiaci ed hanno dimostrato che la parte dannosa per i celiaci ovvero la parte proteica del glutine viene distrutta durante il processo di digestione del gerano monococco, cosa che non avviene con il grano tenero.
Il Grano monococco, che comunque non è indicato per chi soffre di celiachia (ma che è ben tollerato da chi soffre di sensibilità al glutine) rappresenta una alternativa al grano tenero nei soggetti che rischiano di manifestare la celiachia. Infatti una dieta povera di glutine può limitare l’insorgere della malattia.

[useful_banner_manager banners=19 count=1]

https://www.sabatechnology.tech/

5 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*