Mazara. Da ieri in servizio 18 Ispettori ambientali volontari comunali

https://testcovid.costruiresalute.it/

Da ieri in servizio 18 Ispettori ambientali volontari comunali
Consegnati dal Sindaco gli atti di nomina della durata di un anno

Gli Ispettori volontari ambientali comunali sono stati nominati ieri dal sindaco Salvatore Quinci nel corso di una breve cerimonia svoltasi al Collegio dei Gesuiti alla presenza dell’assessore all’Ambiente Giacomo Mauro, del comandante della Polizia Municipale Salvatore Coppolino del dirigente del 2° settore comunale Maria Stella Marino e del funzionario del Servizio Ecologia e Ambiente Tatiana Perzia. La nomina ha la durata di un anno eventualmente rinnovabile.

Svolgeranno compiti e servizi di pubblica utilità nel territorio per la prevenzione, la vigilanza, il corretto conferimento, la gestione e la raccolta dei rifiuti. Compiti a difesa e salvaguardia del suolo, del paesaggio e dell’ambiente in sinergia con la Polizia Municipale, la Protezione Civile e tutti gli uffici comunali del Servizio Ecologia e Ambiente. L’espletamento del servizio è di carattere volontario, non retribuito, e non dà luogo ad alcun rapporto di lavoro e per lo stesso non è previsto alcun compenso professionale, salvo eventuali contributi concessi dalla Regione o da altri Enti o eventuali somme elargite a titolo di rimborso spese a carico del Comune. Solo il Comando di Polizia Municipale, che coordinerà tali figure in sinergia con il Servizio Ecologia e Ambiente, potrà provvedere, successivamente ai verbali di accertamento redatti dagli Ispettori ambientali e ad emettere la prevista sanzione. Gli Ispettori volontari ambientali saranno identificabili da apposito tesserino di riconoscimento.

Il Sindaco Quinci, nel suo intervento di saluto, ha espresso un ringraziamento ai neo Ispettori ambientali per avere scelto “di dare una mano alla Città affinché la salvaguardia ambientale sia un valore condiviso dalla comunità”. Ha inoltre espresso il plauso alla quarta commissione consiliare ed al consiglio comunale tutto per avere voluto istituire la figura di Ispettore Ambientale unitamente all’amministrazione comunale ed ha infine espresso un ringraziamento all’assessore all’ambiente Mauro, ai dirigenti e funzionari del secondo settore e della Polizia Municipale per avere consentito per l’iniziativa si concretizzasse con tutte le procedure di caso.

La gestazione della nuova figura di supporto ambientale ha avuto infatti origine fin dal 2019, su proposta unanime della Commissione consiliare Ambiente allora composta da: Giuseppe Palermo, Gianfranco Casale, Matteo Bommarito, Giuseppe Bonanno, Francesca Calcara, Antonella Coronetta ed Antonino Gaiazzo. Il Consiglio comunale ha poi deliberato l’istituzione e la regolamentazione della figura con deliberazione n. 120 del 30 novembre 2020. I neo Ispettori ambientali volontari comunali sono stati selezionati a seguito di un primo avviso pubblico del febbraio scorso, a cui è seguito un ulteriore avviso di preselezione lo scorso luglio in quanto il numero di richieste, 112, aveva superato il numero massimo consentito di 50. Sono stati 18 i candidati che hanno poi frequentato e superato con esito positivo il corso formativo di 30 ore.

Con un pizzico di emozione da parte dei neo Ispettori volontari ambientali la cerimonia si è conclusa con la consegna delle determine sindacali di nomina e dei tesserini d’identificazione, a cura del sindaco Quinci, mentre l’assessore Mauro ha consegnato cappellini e magliette con lo slogan ManteniAmo Mazara Pulita.
Hanno presenziato 15 dei 18 nuovi ispettori ambientali (nella foto con sindaco, assessore all’ambiente, dirigenti e funzionari comunali).

I nomi dei 18 nuovi Ispettori Ambientali: Matteo Ballatore, Calogero Barbera, Alessandro Ben Mustapha, Giuseppe Bonanno, Grazia Burzotta, Francesca Calamusa, Francesca Castelli, Stefano Decina, Santo Giacalone, Antonino Gunnella, Nicolò Milazzo, Romina Minnella, Katia Nicoletti, Massimo Giuseppe Pecoraro, Angelo Perniciaro, Gaspare Pipitone, Elenor Redzepi, Pietro Signorello.

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*