Erice, ” L’acqua è vita, ma quando manca è mala vita … “

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 3 minutes

L’ACQUA E’ VITA -> CONTINUA IL NOSTRO IMPEGNO … Dichiarazioni del sindaco della Vetta 

Giacomo Tranchida
Giacomo Tranchida

Sono 4 i fronti aperti dall’Amministrazione Tranchida per la vertenza acqua in favore della propria civica comunità. Due riguardano la manutenzione straordinaria della vetusta rete idrica, come segue:

A) con l’avvio dei nuovi lavori a contratto aperto per la manutenzione e rifacimento di condotte idriche in località Casa Santa e Pizzolungo di Erice. Lavori finanziati dalla Regione Sicilia con Decreto D.G. n. 2056 del 07.12.2011 per l’importo complessivo di €. 800.000 e che dopo tante problematiche amministrative correlate anche alla dinamica degli appalti/ricorsi, vede la ditta NASA di Ganci aggiudicataria dei lavori per un importo netto di 459.383,40 (ribasso d’asta del 26,4361%).

Al riguardo l’elenco dei principali interventi consistenti:

1)    Per circa € 100.000 da impiegarsi per la manutenzione ordinaria/straordinaria delle condotte idriche del territorio;

2)    la realizzazione di una nuova condotta idrica di adduzione,  circa 200 ml., in via Dell’Acquedotto, per potenziare l’approvvigionamento idrico in favore della zona di Pizzolungo senza interferenze con altre zone;

3)    la Sostituzione di un tratto di condotta ammalorata e vetusta  della via San Cusumano per circa 300 ml., ottimizzando la distribuzione in zona;

4)    la Sostituzione di un tratto di condotta vetusta lungo la ex SP Torrebianca ml. 300 circa (da ex  Ospedale  Torrebianca verso il Panorama);

5)    la Sostituzione di un tratto di condotta vetusta lungo la via Argenteria (ml.100 circa) nei pressi di San Giovannello;

6)    la Realizzazione di nuova condotta in loc. Rigaletta Milo (dal serbatoio di San Giovannello fino al centro abitato di Rigaletta).

Tutti interventi che, entro 6 mesi dalla consegna dei lavori, miglioreranno la distribuzione idrica nei quartieri e zone indicate.

B) con la citazione in danno e giudizio di EAS e Regione Siciliana a casa dei danni provocati dall’aggressività chimica dell’acqua dissalata alle condutture comunali onde ottenere il riconoscimento giuridico da vantare nei confronti della stessa Regione per il riparatore risarcitorio finanziamento per la sostituzione e/o ammodernamento del sistema idrico distributivo cittadino. Gli altri due fronti aperti dal Sindaco Tranchida riguardano la quantità e la qualità dell’approvvigionamento idrico e vertono:

C) in sede giudiziaria, ormai, a fronte dell’omesso debito intervento del Comune di Trapani, quale soggetto gestore d’Ambito,  per la redistribuzione dei volumi idrici dei Pozzi regionali di Bresciana in favore dei Comuni dell’ericino sovente alle prese con il fermo dissalatore;

D) in sede politico-istituzionale per il completamento dei lavori di ripristino del sistema idrico del Montescuro – ex diga Garcia, previsto entro fine Luglio prossimo, con messa in stand bye del dissalatore da riattivarsi in caso di anomalie gestionali alla nuova fonte / condotta di acqua naturale, appunto quella del Montescuro.

“L’acqua è vita, ma quando manca è mala vita … – ripete il Sindaco Tranchida – e non mi stancherò mai di ricordare al Presidente Crocetta ed a tutti i Parlamentari regionali che la prima rivoluzione che serve alla Sicilia comincia dal far diventare normali le nostre città, cominciando con il garantire l’acqua nelle case, attività commerciali, turistiche, ecc. – conclude Tranchida rilanciando l’offensiva politica – su tale fronte e per raggiungere tale obiettivo, oggi insieme ai neo eletti Sindaci del comprensorio vasto dell’ex agro-ericino siamo ancora più forti e coesi nel non far sconti ad alcuno pur di raggiungere l’obiettivo, non altro che il conseguimento del primo civico diritto per le nostre comunità”

redazione

 

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*