[UN POSTO AL SOLE] San Vito, più controlli in spiaggia: agenti in costume fra i bagnanti

[useful_banner_manager_banner_rotation banners=4,22 interval=2]

spiaggia san vito
SAN VITO LO CAPO, 08 AGO –  Agenti in borghese, finti turisti col volto e la spensieratezza dei vacanzieri, ma investigatori di nascosto. C’è anche questo nei retroscena delle indagini che a San Vito Lo Capo ha fatto scattare giovedì l’operazione “Un posto al sole”.
Per l’attività di indagine condotta dalla Guardia Costiera di San Vito e Trapani (al comando di Giuseppe Guccione e Tommaso Rallo) e coordinata dal procuratore capo di Trapani, Marcello Viola e dal sostituto Sara Morri, gli agenti di altre Capitanerie si sono camuffati come veri turisti, affittando ombrelloni e lettini e così hanno potuto ricostruire cosa succedeva sulla spiaggia di San Vito Lo Capo con gli affitta ombrelloni.

Sono dodici gli indagati dalla Procura di Trapani, ai quali è stata sequestrata tutta l’attrezzattura: più di 4.000 lettini e 2.000 ombrelloni. Qualcuno di loro (dei quattro che hanno il deposito sulla strada, con concessione di suolo pubblico comunale) alla vista degli uomini della Guardia Costiera avrebbe organizzato un trasferimento lampo dell’attrezzatura con un furgone, prima che gli agenti sequestrassero il tutto. La via di fuga, però, è stata bloccata.

[di Max Firreri – gds.it]

[useful_banner_manager_banner_rotation banners=4,19,22 interval=2]

3 pensieri riguardo “[UN POSTO AL SOLE] San Vito, più controlli in spiaggia: agenti in costume fra i bagnanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Acquista questo spazio

Fai una donazione a CampobelloNews

Offrici un caffè per il servizio che diamo….

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: