Torna a casa l’equipaggio ma non il motopesca sequestrato

https://testcovid.costruiresalute.it/

foto di repertorio

REDAZIONE, 22 SET – Tornera’ in Italia l’equipaggio del peschereccio “Anna Madre”, sequestrato lo scorso 15 settembre in acque internazionali dalla Marina militare tunisina. L’imbarcazione, invece, restera’ ancorata al porto di Sfax in seguito all’imposizione di un ammenda per il rilascio del valore di 69 mila euro. Il provvedimento e’ stato disposto da una Commissione interministeriale con sede a Tunisi, dopo che il capitano Giacomo Giacalone si e’ rifiutato di sottoscrivere un verbale di convalida del fermo emesso dalla Marina in cui venivano riportati dati di posizione ritenuti differenti, rispetto alla reale posizione del peschereccio al momento del sequestro.

“Per noi si tratta di un danno economico non indifferente dice l’armatore Giampiero Giacalonedato che oltre all’ammenda di 200 mila dinari, pari a 69 mila euro, bisogna considerare il pesce che avevamo a bordo, del valore i oltre 40 mila euro”. L’equipaggio e’ composto da 10 membri di nazionalita’ italiana e tunisina. Del caso si e’ occupato l’Ambasciata italiana a Tunisi che adesso sta lavorando “nel tentativo di ridurre o addirittura eliminare questa ammendadice il presidente del Distretto della Pesca Giovanni Tumbiolodato che la Commissione interministeriale, di carattere amministrativo, si e’ pronunciata senza un contraddittorio, la via diplomatica potrebbe trovare altre soluzioni”.(AGI)

[useful_banner_manager_banner_rotation banners=15,36 interval=2 width=400 height=400]

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*