Mazara del Vallo – Carabinieri arrestano due persone armate di pistola

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 2 minutes

 

carabinieri.jpg
Mazara del Vallo 23 GEN. – Ieri nel tardo pomeriggio,  una pattuglia del N.O.R.M. in abiti borghesi individuava un’autovettura sospetta e, dopo averla pedinata per qualche centinaio di metri, la faceva accostare per il controllo, in via Archi.  Non appena i militari si sono avvicinati all’autovettura, hanno subito notato degli strani movimenti all’interno dell’abitacolo: aperte le portiere, gli operanti constatavano che uno dei due occupanti stava cercando di occultare un oggetto. Uno dei Carabinieri bloccava la persona che stava nascondendo l’oggetto, accertando che si trattava di una pistola. I due venivano fatti immediatamente scendere dalla vettura e bloccati. Sempre nel medesimo contesto i militari constatavano che l’arma da sparo in questione era una pistola a tamburo, caricata con 5 cartucce, e avente la matricola abrasa. I due fermati venivano portati in caserma dove i due venivano identificati in S.S., trentaduenne di Castelvetrano, con precedenti, e S.M., trentatreenne di Campobello di Mazara, incensurato; da ulteriori riscontri i due risultavano cugini. L’autovettura dei due veniva approfonditamente perquisita: all’interno dell’abitacolo veniva rinvenuta una dose di sostanza stupefacente verosimilmente eroina del peso di 0,3 grammi. Per questo rinvenimento venivano entrambi segnalati alla Prefettura di Trapani, quali assuntori di sostanza stupefacente. La pistola rinvenuta era una rivoltella a tamburo Smith&Wesson, funzionante e caricata con cinque cartucce calibro 32 di fabbricazione italiana; la matricola era stata resa illeggibile. L’arma era funzionante e pronta all’uso. I due soggetti venivano tratti in arresto per porto abusivo di arma clandestina . In serata, presso le abitazioni dei rispettivi fermati i militari dell’Arma procedevano a perquisizione locale alla ricerca di altre armi. Presso l’abitazione di S.S. a Castelvetrano veniva rinvenuto materiale ritenuto interessante dagli investigatori: una pistola a salve, priva di tappo rosso, un silenziatore per arma semi-automatica (considerata parte di arma da guerra); un manganello telescopico ed un tirapugni.  Al S.S. veniva contestato anche la detenzione illecita di parti di arma da guerra (silenziatore, assolutamente vietato dalla normativa vigente in Italia). Tutto il materiale rinvenuto durante le perquisizioni veniva posto sotto sequestro, unitamente all’autovettura utilizzata dai due arrestati. Al termine delle formalità di rito, S.S. veniva tradotto e associato alla Casa Circondariale di Trapani, mentre S.M. veniva tradotto presso la propria abitazione, ove veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari.  ” L’Arma dei Carabinieri contribuisce con queste operazioni alla restituzione del territorio alla piena fruizione dei mazaresi e dei turisti. Sono certo che queste azioni non rimarranno isolate, stante che tale intervento ha ricevuto l’apprezzamento dell’intera popolazione”. Lo dichiara il Sindaco di Mazara del Vallo, on. Nicola Cristaldi, esprimendo vivo compiacimento per l’operazione condotta dai Carabinieri di Mazara del Vallo nel Centro Storico della Città e specificatamente all’interno della Casbah, dove recentemente si sono verificati episodi di vandalismo e micro criminalità che hanno generato preoccupazione nella popolazione residente e nei visitatori.
 
Vito Licata – www.campobellonews.com
 
https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*