Mazara. 3 arresti e una denuncia per furto aggravato di energia elettrica

https://testcovid.costruiresalute.it/

MAZARA – Nella giornata di ieri, 6 febbraio 2020, i Carabinieri delle Stazioni di Mazara del Vallo, di Mazara 2 e della Sezione Radiomobile di Mazara del Vallo, nell’ambito di un mirato servizio finalizzato alla repressione dei reati contro il patrimonio, hanno tratto in arresto in flagranza di reato con l’accusa di furto aggravato, tre soggetti, mentre un quarto è stato deferito in stato di libertà con la medesima accusa.

Nel corso del servizio, grazie alla presenza di personale della società “Enel Distribuzione SpA”, sono state svolte una serie di verifiche rivolte al controllo della regolarità dei contatori di varie unità abitative, riscontrando allacci alla rete di distribuzione Enel, tramite dei conduttori in rame che alimentavano direttamente l’impianto elettrico di alcuni appartamenti.  

Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati ristretti in regime degli arresti domiciliari, mentre i cavi utilizzati per il collegamento abusivo, sono stati sottoposti a sequestro.

Oltre a costituire reato, questi “allacci” abusivi, rappresentano un gravissimo pericolo per l’incolumità degli occupanti del singolo appartamento, oltre che per tutto il vicinato poiché, tali manomissioni, aumentano esponenzialmente il rischio di cortocircuito. Già nelle scorse settimane, a seguito di un intervento improprio sulla rete elettrica, si è verificato un incendio che ha coinvolto un interno stabile a Mazara 2, fortunatamente, in quel caso gli occupanti hanno riportato solo lievi intossicazioni, ma le conseguenze possono essere ben più gravi.  

La tutela della vita e dell’incolumità dei cittadini, sono da sempre al primo posto  tra i compiti dei Carabinieri che continuano a profondere il massimo impegno e dedizione nel giornaliero servizio di vicinanza alla popolazione.

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*