Livorno. Operazione “Nicole Kush”: eseguite misure cautelari nei confronti di 23 persone per traffico di droga.

https://testcovid.costruiresalute.it/

Su ordine della Procura di Livorno, che ha diretto le indagini, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Livorno e della Compagnia di Cecina, nelle province di Livorno e Pisa e nella Capitale, con il supporto dell’Arma territorialmente competente, del Nucleo Cinofili di San Rossore (PI) e del Battaglione “Toscana”, hanno dato esecuzione a un’Ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Livorno, nei confronti di 23 indagati ritenuti responsabili di traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento è stato emesso a conclusione di un’articolata indagine avviata nel gennaio 2019 dopo il sequestro di un quantitativo della pregiata tipologia di marijuana ibrida denominata “Nicole Kush”(da qui il nome dell’indagine).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le successive investigazioni hanno accertato che due italiani, un 28enne di Rosignano Marittimo ed un 30enne di Cecina, erano dei veri e propri broker del traffico di droga nella Val di Cecina. Non solo marijuana ma anche cocaina e hashish, i due vendevano la droga al minuto direttamente ad alcuni consumatori della zona ma, soprattutto, commercializzavano importanti quantitativi delle diversificate tipologie di stupefacenti a circa una ventina di altri pusher che, a loro volta, cedevano la droga ad assuntori locali. 

I due principali indagati avevano la disponibilità di una vera e propria base logistica: un ricovero di fortuna ben attrezzato per occultare la droga e per effettuare le operazioni di taglio e confezionamento. La base era all’interno di un’area rurale recintata, in località Mazzanta di Rosignano Solvay.

Le indagini si sono sviluppate, altresì, in direzione del canale di approvvigionamento della cocaina. Gli investigatori labronici hanno identificato una compagine composta da cittadini albanesi, dimoranti nel cecinese, a sua volta collegata ad una banda di connazionali residenti a Roma. Nel corso delle indagini sono stati documentati i viaggi degli indagati albanesi che si sono recati nella Capitale per rifornirsi di cocaina. 

Nell’estate del 2019, un loro connazionale giunto a Cecina verosimilmente per trattare la vendita di una partita di cocaina è stato tratto in arresto dai Carabinieri della locale Compagnia. L’uomo era sfuggito all’esecuzione di un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Roma perché ritenuto appartenente ad un’associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, operante nei quartieri romani di Tor Bella Monaca e San Basilio.

Dopo il suo arresto la compagine albanese stanziata in Val di Cecina ha continuato ad approvvigionarsi di cocaina dai connazionali egemoni nell’estrema periferia Est di Roma, trattandone la compravendita con il figlio 22enne.

Oltre ai 23 destinatari dell’Ordinanza eseguita questa mattina, altre 5 persone risultano indagate in stato di libertà. Nel corso delle investigazioni sono state 6 le persone tratte in arresto in flagranza e 3 quelle deferite in stato di libertà, nonché sono stati rinvenuti e sequestrati circa 90 gr. di cocaina, 50 gr. di hashish e 15 gr. di marijuana. 

Sono oltre 60 gli assuntori, che hanno acquistato la droga dagli indagati, tra cui tra cui 4 minori. Gli episodi di cessione dello stupefacente documentati sono state oltre un centinaio, per un volume di affari di decine di migliaia di euro.

Con questa operazione, ancora una volta, i Carabinieri del Comando Provinciale, interrompendo, di fatto, la filiera della commercializzazione della droga, hanno inferto un duro colpo al mercato illegale degli stupefacenti nella Val di Cecina.

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*