Gorizia una maxi-operazione contro la pirateria audiovisiva

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 2 minutes

SEQUESTRATI 58 SITI WEB, 150 NUOVI DOMINI  ALIAS E 18 CANALI TELEGRAM CON PIU’ DI 80 MILIONI DI ACCESSI  ANNUALI. 

Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Gorizia ha dato  esecuzione a un provvedimento di sequestro preventivo, disposto dal GIP del locale  Tribunale su richiesta della Procura della Repubblica, di 58 siti web illegali e 18 canali  Telegram, che attraverso 80 milioni di accessi annuali rappresentano circa il 90% della  pirateria audiovisiva ed editoriale in Italia. Tra i siti oggetto del provvedimento vi è quello  che per analisi di “traffico” e per contenuti divulgati è stato catalogato quale punto di  riferimento in ambito nazionale per la diffusione di guide, software e metodologie  informatiche utilizzabili per ottenere (su diverse piattaforme) l’accesso ai contenuti  multimediali protetti dalle leggi sul diritto d’autore. L’incisività dell’intervento è stata  determinata da un approccio investigativo innovativo sviluppato in sinergia con l’Autorità  Giudiziaria isontina che ha visto, per la prima volta in ambito penale in Italia, l’adozione  nella misura cautelare reale sui cd. “Alias” associati ai domini web di secondo livello.  Questo innovazione procedurale sta consentendo, giorno per giorno, l’immediata inibizione  di centinaia di nuovi domini web illecitamente creati nell’intento di aggirare l’originario  provvedimento dell’Autorità Giudiziaria. Inoltre, sono state attivate le procedure di  collaborazione giudiziaria internazionale – tutt’ora in fase di svolgimento – per poter  sequestrare i server da cui vengono divulgati i contenuti multimediali in violazione del diritto  d’autore.  

Le indagini, scaturite dagli approfondimenti svolti nei confronti di un soggetto, celato sotto  il nickname di Diabolik, sono partite dal Friuli V.G. e si sono estese anche in Puglia, in  Emilia Romagna e all’estero (Germania, Olanda e Stati Uniti).  

L’attenzione si è focalizzata sia sul mondo della pirateria audiovisiva ed editoriale, sia sul  sistema illegale delle cosiddette IPTV, permettendo di individuare e deferire alla  competente Autorità Giudiziaria quattro esperti informatici operanti nel web dietro  nickname di fantasia (Diabolik, Doc, Spongebob e Webflix) divenuti nel tempo veri e propri  oracoli della rete dediti alla diffusione – anche con l’ausilio di servizi di messaggistica  istantanea e broadcasting – di innumerevoli contenuti multimediali illegali (film di prima  visione, prodotti audiovisivi appannaggio delle payTV, eventi sportivi di ogni genere,  cartoni, pornografia, software, giornali, riviste, manuali, ecc.). Inoltre, relativamente alle  IPTV illegali, sono in corso attività volte all’identificazione di circa un migliaio di abbonati al  cd. “pezzotto” – anche dall’estero -, i quali verranno segnalati alla A.G. per la violazione  dell’art. 171-octies della legge sul diritto d’autore, con pene previste fino a 3 anni di  reclusione e oltre 25.000 euro di multa; gli stessi clienti, potranno incorrere altresì nel reato  di ricettazione punito dall’art. 648 del Codice penale. 

Il fenomeno della pirateria audiovisiva, oltre a determinare una distorsione del mercato e  ridurre l’attrattività degli investimenti nel settore, ha riflessi negativi in ambito  occupazionale, poiché direttamente responsabile della sottrazione di opportunità di lavoro,  argomento oggetto di recente approfondimento da parte di autorevoli studi, (quali ad  esempio l’indagine FAPAV/Ipsos), secondo cui l’impatto negativo in termini di P.I.L. è pari  a circa 500 milioni di euro ed il danno/rischio in termini di posti di lavoro è di circa 6000  unità, con un danno per l’economia italiana che sfiora invece il miliardo e cento milioni di  euro. 

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*