[False 104] Si allarga la protesta: un esposto dei docenti anche a Trapani

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 2 minutes

false 104

TRAPANI, 22 GEN – E’ stato presentato alle Procure di Marsala e Trapani, all’ufficio scolastico provinciale e al prefetto, un esposto-denuncia da parte di oltre 100 docenti della provincia siciliana, contro gli abusi della legge 104, e che si sono riuniti in un comitato.

“Nella nostra provincia, così come in altre provincie siciliane – si legge nell’esposto – il diritto alla mobilità esiste solo sulla carta. In provincia di Trapani, il numero di insegnanti che usufruisce di tali benefici è altissimo; negli ultimi 5 anni sono stati effettuati movimenti solo ed esclusivamente di insegnanti che godono dei benefici della legge 104/92”.

Alla magistratura chiedono di accertare eventuali casi di falsi invalidi o falsi assistenti per “evitare che falsi invalidi possano approfittare di tali benefici compiendo innanzitutto un reato e una truffa ai danni dello Stato e dei cittadini italiani, truffa che diventa una vera negazione del rispetto del diritto altrui”.

“Alla luce di quanto sopra esposto, riteniamo che la Magistratura prima di ogni altra istituzione debba effettuare i dovuti controlli. Una commissione medica imparziale, formata da medici possibilmente non trapanesi, potrà sottoporre a visita medica tutti questi fruitori della legge 104 negli ultimi 5 anni fino ad arrivare alla giusta conclusione: handicap sì o handicap no. E’ necessario effettuare indagini e controlli sul personale che ha già ottenuto il trasferimento presentando tali certificazioni, è necessaria una seria attività di verifica circa la sussistenza delle condizioni richieste dalla normativa ed un’eventuale revoca delle agevolazioni e dei vantaggi ottenuti al venir meno di tali condizioni”.

di Giulia Boffa – http://www.orizzontescuola.it/

[useful_banner_manager_banner_rotation banners=7,11,15 interval=2 width=200 height=200]

 

https://www.sabatechnology.tech/

One Comment

  1. .. ed allo stesso tempo punire anche Medici ed amministratori pubblici che hanno partecipato alla truffa.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*