Caserta. Spaccio di cocaina nella caserma e drug test modificati, arrestati quattro bersaglieri

https://testcovid.costruiresalute.it/

[useful_banner_manager banners=29 count=1]


di Mary Liguori

CASERTA, 05 APR – Vendevano cocaina ai propri commilitoni e corrompevano gli assistenti sanitari per fare in modo che i loro “clienti” passassero i drug test impunemente.
Le dosi e i campioni di urina venivano ordinati via Whatsapp e i messaggi che si sono scambiati costituiscono l’ossatura dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere spiccata dal gip Corinne Forte su richiesta della procura di Santa Maria Capua Vetere.

Un bersagliere è finito in carcere, tre sono ai domiciliari e un quinto militare è stato colpito dal divieto di dimora: è questo il bilancio dell’operazione condotta dai carabinieri della compagnia di Maddaloni questa notte. Indagini alle quali hanno collaborato attivamente i vertici della caserma dell’Esercito finita al centro della bufera.

Luigi Santonastaso (l’unico in carcere), Roberta Rossini, Luigi Belvedere e Patrizio Caserta (ai domiciliari) erano in servizio all’VIII Brigata Bersaglieri di Caserta (Patrizio Caserta di recente era stato invece trasferito al Reggimento trasporti Flamimia, a Roma).

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*