Campobello: Incendiata auto all’italo-americano Francesco Giunta

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 2 minutes

 giunta

CAMPOBELLO, 27 APR. – È stata distrutta dalle fiamme l’auto (una Alfa Romeo 146) del 63enne italo-americano Francesco Giunta, noto per le sue proteste, con tanto di cartellone e bandiera a stelle e strisce, davanti il Tribunale di Marsala (nella foto). L’incendio sarebbe doloso. «Mi hanno incendiato l’auto – dice – era parcheggiata in un terreno di mia proprietà a Tre Fontane. Un’azione dolosa. Ai carabinieri ho anche evidenziato i miei sospetti». E proprio partendo da questi sospetti, i militari hanno avviato l’indagine.

[useful_banner_manager_banner_rotation banners=1,2,3,4,5,6,7 interval=2 width=150 height=150]
Dopo un lungo periodo trascorso negli Usa, Giunta è tornato a vivere a Campobello qualche anno fa e nel 2010 salì agli onori della cronaca per aver protestato, un paio di volte, con sciopero della fame, davanti il Palazzo di Giustizia di Marsala, manifestando il suo dissenso sulla decisione di un giudice della sezione civile del Tribunale che, a suo giudizio, avrebbe commesso sostanziali errori nella spartizione, con fratello e sorella, dell’eredità dei genitori. Qualche mese fa, la clamorosa svolta. Giunta, infatti, non riuscendo ad avere quella che lui reputa la sua equa parte di eredità, ha presentato alla Guardia di finanza di Marsala un esposto in cui afferma che il padre (imprenditore nel settore del movimento terra) avrebbe accumulato le sue ricchezze grazie ai rapporti con esponenti mafiosi locali. Una denuncia presentata con il dichiarato intento di far confiscare dallo Stato tutti i beni di famiglia. Ad assistere Giunta è l’avvocato Francesco Vinci.
di Antonio Pizzo – lasicilia
https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*