Campobello: Condannato a 2 anni in primo grado, assolto in Appello.

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 2 minutes

La Corte di Appello ribalta l’esito. La soddisfazione della difesa, Avv. G. Accardo.

La Corte di Appello di Palermo, Sezione 2, in data 3.04.2022 ha pronunciato sentenza di assoluzione nei confronti di un  cittadino residente a Campobello di Mazara, per non avere commesso il fatto. Infatti,  era stato condannato per il reato di ricettazione alla pena rilevante e pesante di 2 anni dal Tribunale di Marsala, in data 11.03.2021.
Secondo il Giudice di Primo grado era emersa la responsabilità dell’imputato per avere ricevuto consapevolmente un telefono proveniente dal reato di furto avvenuto in Campobello di Mazara nell’anno 2015.
Invece, la Corte ha ribaltato tutto assolvendo.


L’Avv. Accardo Giuseppe, del Foro di Marsala, difensore dell’imputato, puntualizza “ovviamente siamo soddisfatti dell’esito del processo, stante che i Giudici di Appello hanno correttamente valutato tutte le prove emerse nel giudizio di primo grado, ovvero che il signore, era totalmente ignaro della provenienza illecita del telefono”.
In Italia sono migliaia i processi per ricettazione di materiale informatico, tale reato previsto e punito dall’art. 648 c.p. punisce chiunque, al fine di trarne profitto, acquisti, riceve od occulta cosa proveniente da un qualsiasi delitto è punito con la reclusione da 2 a 8 anni.
Alla luce di questo, posto il successo giudiziario del caso di specie, si invitano i lettori a fare estrema attenzione quando acquistano beni usati (soprattutto i telefonini), in particolare modo si consiglia di chiedere sempre lo scontrino di acquisto all’acquirente ed evitando proposte di vendita a prezzi estremamente inferiori rispetto a quelli di mercato.

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*