Santa Ninfa. Tari azzerata per le imprese, la nota della maggioranza consiliare

https://www.sabatechnology.tech/

 

SANTA NINFA. Il gruppo consiliare di maggioranza che sostiene l’amministrazione Lombardino, interviene con una nota sull’approvazione delle tariffe della Tari (la tassa sui rifiuti) per il 2020. «Grazie ad un lavoro intenso, caratterizzato da un confronto costante tra amministrazione e uffici, e utilizzando fondi e risorse messe a disposizione dallo Stato e dalla Regione, è stato possibile rimodulare le tariffe. Nello specifico, le imprese e le attività commerciali quest’anno avranno la Tari azzerata. Le utenze domestiche, invece, otterranno uno sconto che sarà del 25 per cento rispetto alla bolletta dell’anno scorso». Per la maggioranza si tratta di misure importanti, «un aiuto concreto in un momento storico di grande difficoltà acuita dall’emergenza epidemica». Un risultato politico rilevante, insomma, dal momento che «l’amministrazione ha recepito l’invito che le era stato rivolto nei mesi scorsi dall’intero Consiglio comunale. Ne è scaturita una proposta coraggiosa che va incontro alle esigenze delle attività commerciali e agevola anche le utenze domestiche. Il risultato sarà un beneficio tangibile di cui i cittadini godranno da subito». Infine una stilettata nei confronti dell’opposizione, i cui quattro consiglieri (Graziella Biondo, Lorenzo Truglio, Nicola Catalano e Antonio Pernice) hanno votato contro «tale impostazione e contro tali misure, forse non comprendendo appieno la portata dell’operazione. Avranno certamente le loro ragioni,  e saranno in grado, speriamo per loro e glielo auguriamo – sottolinea ironicamente la maggioranza -, di spiegarle convintamente ai cittadini, ai quali tutti rispondiamo».
Anche il sindaco Giuseppe Lombardino ha voluto sottolineare l’importanza del provvedimento «che va incontro alle esigenze di cittadini e imprese». Lombardino ha ringraziato il gruppo di maggioranza consiliare «per avere votato favorevolmente la proposta avanzata dall’amministrazione, che era stata impegnata nei mesi scorsi proprio dal Consiglio comunale ad operare una rimodulazione delle tariffe che tenesse conto del mutato quadro economico e sociale». Il sindaco si dice invece dispiaciuto «che il gruppo di opposizione, forse non comprendendo la proposta, abbia votato contro con motivazioni francamente poco comprensibili. Ma ovviamente ciascuno si assume la responsabilità dei propri atti. Anzitutto – conclude Lombardino – di fronte ai cittadini». (Nella foto il gruppo di maggioranza consiliare)
https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*