[SALUTE] In Italia 6 milioni di celiaci “per moda”, occhio ai falsi miti

https://testcovid.costruiresalute.it/

Dal 13 al 21 maggio Settimana della celiachia, per informare

In Italia 6 milioni celiaci 'per moda', occhio a falsi miti

Lo affermano gli esperti, sottolineando come un’occasione di corretta informazione sarà la Settimana nazionale della celiachia, che si svolgerà dal 13 al 21 maggio. Promossa dall’Associazione Italiana Celiachia (AIC), con il patrocinio dell’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID), la terza edizione è dedicata alla nutrizione e all’educazione alimentare: sul sito www.settimanadellaceliachia.it sarà possibile informarsi sugli eventi previsti e la chat online attraverso cui chiedere consigli a medici e dietisti. Dal 13 maggio, inoltre, sarà scaricabile online anche la guida ‘Sport&Celiachià. Per sensibilizzare i giovani nei confronti della celiachia, in 700 scuole di tutta Italia saranno anche distribuiti menù gluten-free. La malattia celiaca riguarda l’1% della popolazione: per queste persone, ricordano gli esperti, “l’esclusione del glutine non è una scelta ma un vero è proprio ‘salvavità». La celiachia, secondo le stime, è una patologia che in Italia interessa circa 600.000 persone, di cui appena 190.000 diagnosticate.

[useful_banner_manager banners=29 count=1]

https://www.sabatechnology.tech/

One Comment

  1. Giuseppe Drago

    Satura lanx, nella letteratura latina, veniva definito un piatto gastronomico che conteneva un po’ di questo e di quello nella disponibilita’ dell’oste o del padrone di casa. Senza discernere con un preciso criterio di scelta ed accostamento quanto sommato per la realizzazione del piatto. L’argomento “celiachia” e’ fin troppo vasto per essere liquidato con un po’ di numeretti spesso tendenziosi, magari arretratelli e soprattutto escludendo nella trattazione dell’argomento, la infrenabile ‘intolleranza’ alle proteine del glutine di cui soffrono milioni di individui, anche a loro (sfortunata) insaputa. Non si esclude la tendenza modaiola come descritta, ma il danno ormai globalizzato generato da un’agricoltura che ha scelto e imposto grani con maggiori quantita’ glutiniche e gli intestini alla merce’ di additivi e chimica migliorativa sin dalla nascita, hanno generato il grosso problema. Celiachia e’ una cosa e l’intolleranza, nelle mille gradazioni e varianti espressive, e’ altra cosa anche se generate da uno stesso, articolato gruppo proteico. Grazie comunque a codesta redazione per aver dato annuncio della settimana AIC: domani sera, qui a Reggio E. scalderemo i motori con “tigelle”, e “gnocco fritto” offerto dai soci AIC al vasto pubblico a diverso titolo interessato. A presto. ( Drago senior, fortemente intollerante ma non celiaco).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*