Orciolo d’Oro 2016: Il Premio della Stampa all’azienda agricola Lombardo

https://testcovid.costruiresalute.it/

La 7ª edizione del Premio della Stampa: il Valle del Belice “Fiori Chiari”dell’azienda agricola Lombardo di Campobello di Mazara (TP) per il fruttato leggero;

lombardo olio

 

 Premio della Stampa. I tre vincitori

Il 21 maggio è stato assegnato il Premio della Stampa, una delle emanazioni dell’Orciolo d’Oro, il più antico concorso in fatto di oli extravergine d’oliva di alto profilo, che abbraccia diverse sezioni. Una giuria di giornalisti del food di importanti testate nazionali e non composta da Daniela Capogna (Olivatessen Magazines by Mercacei), Luigi Diotallevi (Il Resto del Carlino), Antonella Lippo (Corriere del Mezzogiorno), Mara Nocilla (Gambero Rosso), Claudio Salvi (Il Messaggero, Pesaro), ha scelto da un bel ventaglio di oli evo arrivati in finale nel corso delle varie classi del concorso.

La degustazione, ovviamente alla cieca, è avvenuta nella sede dell’Enohobby Club aGradara, a pochi metri dal castello legato all’amore di Paolo e Francesca, al termine della quale sono stati selezionati i tre oli vincitori della 7ªedizione del Premio della Stampa: il Valle del Belice “Fiori Chiari”dell’azienda agricola Lombardo di Campobello di Mazara (TP) per il fruttato leggero;“Sandro Di Giacomo” dell’azienda Sandro Di Giacomo a Pianella (PE) per il fruttato medio; il monocultivar di tenera ascolana dell’azienda Saladini Pilastri di Spinetoli (AP) per il fruttato intenso. Il fruttato delicato siciliano ha conquistato per le sensazioni fresche e gentili di vegetali a foglia verde (bieta, cicoria) appena cotte, il fruttato medio abruzzese per la complessità, le sensazioni erbacee vivaci e giovanili, l’amaro e piccante esuberanti, il fruttato intenso marchigiano da tenera ascolana per il grande equilibrio giocato su amaro e piccante potenti, sentori di pomodoro appena staccato dalla pianta e note erbacee freschissime che richiamano la tarda primavera e l’inizio dell’estate: una brezza di gioia di vivere.

La qualità dell’annata 2015

Difficile la scelta tra i 19 oli in lizza (6 per il fruttato leggero, altrettanti per il fruttato intenso e 7 per il fruttato medio), tutti eccellenti grazie a un’annata, la 2015, tra le migliori degli ultimi anni dovuta alle favorevoli condizioni climatiche ma anche alle tecniche olearie sempre più all’avanguardia e sofisticate, dal campo alla raccolta delle olive, alla loro lavorazione in impianti moderni. “L’edizione 2016 dell’Orciolo d’Oro è importante non solo perché la manifestazione compie 25 anni, un bel traguardo per un concorso riconosciuto come il più antico del settore olivicolo– spiega con l’entusiasmo di sempreMarta Cartoceti, mente, anima e cuore della competizione nonché presidente di Enohobby Club Colli Malatestiani – ma anche perché ha raggiunto il record di aziende partecipanti: più di 400 solo per l’Italia!”. Infatti, oltre alle migliori produzioni del nostro paese l’Orciolo d’Oro premia anche gli oli di nazioni dell’emisfero Sud, che in questo momento sono in piena campagna olearia e che consegneranno i propri prodotti intorno alla metà di giugno.

Extravergine dal mondo

Stiamo cercando di incrementare la partecipazione di realtà dell’altra parte del mondo attraverso contatti diretti con le aziende produttrici, soprattutto del Cile, del Sud Africa e in terza battuta dell’Argentina” precisa Giulio Scatolini, capo panel Unaprol e delle sedute di degustazione dell’Orciolo d’Oro. “Sono Paesi che hanno condizioni pedoclimatiche simili alle nostre e dove si fa sentire la forza professionale dell’Italia: nella tecnologia di produzione, nella consulenza e nella struttura aziendale”.

A metà giugno le selezioni degli oli dell’emisfero Sud, dalle quali usciranno i vincitori della sezione internazionale, chiuderanno l’edizione 2016 dell’Orciolo d’Oro (i primi classificati delle altre sezioni del concorso – oli evo nazionali (25ªedizione), internazionali (18ªedizione), biologici (17ªedizione), Dop e Igp (8ªedizione) – sono pubblicati su www.enohobby.it).

Tutti i premi verranno consegnati il 25 giugno nel corso di una cena di gala all’ultimo piano dell’hotel Cruiser, sul lungomare di Pesaro.

Premio della Stampa Orciolo d’Oro 2016

Fruttato leggero – Valle del Belice “Fiori Chiari” | Azienda Agricola Lombardo | Campobello di Mazara (TP) | via Regina Elena, 24 | tel. 0924 48368 |www.aziendaagricolalombardo.it

Fruttato medio – Sandro Di Giacomo | Azienda Sandro Di Giacomo | Pianella (PE)| c.da San Martino, 16 | tel. 085 971163 –333 2226568

Fruttato intenso – Monocultivar di tenera ascolana| Az. Agr. Saladini Pilastri| Spinetoli (AP)| via Saladini, 5 | tel. 0736 898594 | www.saladinipilastri.com

a cura di Mara Nocilla – http://www.gamberorosso.it

[useful_banner_manager banners=19 count=1]

https://www.sabatechnology.tech/

One Comment

  1. L’azienda agricola Lombardo da sempre primeggia nei molteplici concorsi e anche quest’anno il meritato premio per un olio nocellara del belice di qualità eccellente.

Rispondi a emanuele dr. passanante Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*