Inverno a Campo-fermo

https://www.sabatechnology.tech/

Molti giorni susseguirono molte notti e tanti furono i mesi che trascorsero dal dubbio di Campo-fermo.
Poche brezze, di rado, spezzavano la calma, e pochi cittadini ricordavano i forti venti che avevano scosso l’intera società, irradiando speranza e paura contemporaneamente.

I cittadini che si erano da sempre nutriti del mare calmo delle certezze e delle “eccezioni alle regole”, dopo i forti venti della nuova aria, erano riusciti a rimarginare le paure di quegli eventi e ritornare a vivere serenamente, senza mai interrogarsi sul futuro e del tutto privi di dubbi, perché quest’ultimi avrebbero potuto mettere a repentaglio la calda consuetudine che li riscaldava costantemente.

I cittadini che vivevano nel mare calmo delle certezze e delle “eccezioni alle regole”, e che avevano sperato che la nuova aria, giunta in basso a spazzare via la fitta nebbia trasparente della quotidianità, avesse potuto dare una nuova luce e un nuovo futuro alla comunità, si ritirarono in un mesto e assordante silenzio interiore.

Per un lungo tempo, le loro speranze divennero ricorrenze e furono celebrate come festività nei giorni in cui tutto era avvenuto.

Dopo molto tempo ancora, le ricorrenze si trasformarono in sussurri. Era venuta a mancare la forza per potersi nuovamente specchiare e vedersi diversi spiritualmente. Passò molto tempo, forse alcuni anni, e le speranze erano quasi naufragate e pronte per essere inghiottite dall’oblio. Nessuno, o quasi nessuno, sperava.

Campo-fermo, che viveva di vita passata intesa come nuova, aveva quasi completato l’opera di annullamento delle speranze. Solo alcune folate di vento erano state avvertite, ma queste, per la brevità della loro durata, non riuscirono a dare non più che una effimera sensazione di vitalità.
Tutto assunse le sembianze dell’inverno: caddero le foglie dagli alberi e il gelò si impadronì con forza delle cose e di tutti, anche di coloro che vivevano sperando.
Giunse il silenzio e si protrasse per un lungo tempo – forse un lustro.

[di Giovanni Stallone] 

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*