[Il Punto] Italiani “strana gente”

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 2 minutes

Siamo davvero strani noi italiani, produciamo i migliori prodotti al mondo e poi andiamo a comprare merce importata dall’estero non si sa come coltivata

Prodotti italiani

REDAZIONE, 30 GEN – Siamo davvero strani noi italiani, produciamo i migliori prodotti al mondo e poi andiamo a comprare merce importata dall’estero non si sa come coltivata. Purtroppo anche l’Unione Europea ci mette più che uno zampino imponendo misure assurde per i prodotti soprattutto ortofrutticoli impedendo la commercializzazione quelli di diverso calibro o non ben delineati, nella sostanza i “brutti ma buoni”. Ma c’è chi si sta ribellando a queste assurde imposizioni, guarda caso inglesi e francesi, che sono pronti a comprare frutta e verdura anche se non esteticamente perfetta purchè di buona qualità. La catena Gdo francese ha preso ovviamente la palla al balzo ed ha iniziato dalla scorsa estate a mettere in vendita prodotti dalle forme strane, siamesi, bitorzolute ma ad un prezzo scontato. Il tutto accompagnato da una sapiente campagna pubblicitaria (ciò che in Italia latita da molto per quanto riguarda i nostri prodotti) puntata sull’aspetto psicologico: così una carota storta assume un aspetto umano tanto da apparire demotivata, una mela che si sente rifiutata. Sono prodotti che tendono a rappresentare quasi il 40% della produzione che si butta al macero e se pensiamo a quanto bisogno c’è di cibo, non solo nel mondo ma nella stessa Italia fa inorridire. E poi ci sono pure i problemi dei produttori stessi che, oltre ad essere costretti a vendere sottocosto, sono costretti a mandare al macero il frutto del loro lavoro oltre che dei soldi impegnati.

elena-manzini-297x425di Elena Manzini

[useful_banner_manager_banner_rotation banners=1,3,4,7,8,9,15 interval=2 width=250 height=250]

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*