Etna protagonista in Hammer of Vulcan: una slot “siciliana”

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: 3 minutes

 

 

Etna protagonista in Hammer of Vulcan: una slot “siciliana”

 

Ombelico del Mediterraneo, epico, viscerale e autentico. La Sicilia è una contaminazione millenaria di riti e leggende, popoli e culture. Terra ambita di conquista e fonte di ispirazione perenne. Non stupisce che sia anche lo spunto di questo gioco interattivo digitale che dalla Sicilia, e in particolare dall’Etna, ha tratto gli aspetti grafici e mitologici per l’intrattenimento online. Lei è Hammer of Vulcan e racconta a modo suo questo meraviglioso angolo di terra vibrante, assolata e inafferrabile.

 

Mitologia, storia e leggenda si intrecciano in questo gioco digitale dall’ambientazione tipicamente siciliana. Protagonista indiscusso è l’Etna: vulcano attivo che si desta ciclicamente a ricordare la sua maestosa presenza sull’isola. La leggenda più accreditata fra tutte è quella di Vulcano, fabbro degli dei. E infatti la slot, fruibile direttamente dal portale di PokerStars casinò, recensito su casino.superscommesse.it, esordisce  con l’animazione di una possente figura maschile che imbraccia un martello da lavoro. O forse da guerra. Dovrebbe essere lui: Vulcano, o Efesto per i greci, che possedeva la sua fornace nelle viscere infuocate del monte. Esattamente nel cuore della montagna lavorava il ferro per costruire le armi per i suoi fratelli dei. 

 

Del resto, proprio alcuni dei simboli del gioco rappresentano gli oggetti forgiati con il fuoco e con la materia prima grezza dell’Etna: calici d’oro, spade di ferro, elmi troiani e scudi. Tra gli altri ci sono strumenti da lavoro come pinze e tenaglie utilizzate per afferrare, riscaldare, modellare e raffreddare l’anima incandescente degli oggetti costruiti nelle viscere della terra.

 

Ma gli studiosi della grecità non sono sempre d’accordo sulla nascita del mito di Etna. Per questo motivo Vulcano e la slot possono trarre spunto anche da altre leggende. Eppure, in un modo o nell’altro, la Sicilia e la sua mitologia resta sempre protagonista, tanto nel mondo reale che in quello digitale. Ecco allora l’altra storia dell’Etna che potrebbe aver ispirato la slot: è il mito del gigante sepolto.

 

La leggenda greca è quella di Encelado, uno dei giganti fratelli di Zeus. Invidioso del suo potere, provò a sconfiggerlo costruendo una montagna per raggiungere l’Olimpo e prendere il suo posto. Zeus non rimase a guardare e punì l’atto di ribellione scagliando un fulmine contro il monte di Encelado, causandone la distruzione. Il gigante restò sepolto sotto le macerie per l’eternità. Incapace di muoversi sotto il peso delle rocce, rimase solo il suo violento respiro a smuovere la terra incandescente. Encedalo vive sotto il vulcano e i suoi scatti improvvisi di rabbia affiorano dalla bocca dell’Etna rigettando lava, polvere nera e lapilli sulla piana circostante. Proprio Encelado, prima della punizione, potrebbe essere quella possente figura maschile che imbraccia un martello da lavoro raffigurata all’inizio della slot con il volto furente e il corpo ansimante.

 

Nella slot figura anche un simbolo che intreccia la mitologia greca con quella ebraica: si tratta del Golem, una figura antropomorfa immaginaria della cabala che indica la materia grezza o l’embrione. Un riferimento al cuore della montagna, al fuoco dell’Etna, alla materia prima incandescente che popola il centro della terra e del vulcano siciliano. Nel gioco è una maschera d’oro che ricorda un puttino classico.

Ma il mito di Etna e dell’Etna stesso, fonte di ispirazione del gioco a rulli firmato Quickspin, una delle software house più importanti del settore, non smette mai di stupire. Da un lato perché nasconde ciò che l’uomo non immagina che possa esistere. Lo testimonia, ad esempio, il viaggio nel cuore di ghiaccio dell’Etna: il ghiacciaio permanente più a Sud d’Europa, dove il caldo sfida il freddo. Dall’altro perché esistono anche altre leggende legate al vulcano di Sicilia, meno legate alla progettazione della slot ma ugualmente cariche di fascino e interesse: Etna figlia di Urano e Gea e il mito di Ulisse e Polifemo. Tutte ugualmente da scoprire e conoscere per apprezzare ancor meglio, attraverso il mito, il fascino ineguagliabile di una terra senza tempo.

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*