Custonaci. Il sindaco interviene a seguito dell’arresto per mafia del custonacese Giuseppe Costa

https://testcovid.costruiresalute.it/

 

 

 

 “L’arresto di Giuseppe Costa rappresenta un ulteriore e importante passo avanti nella lotta al potere mafioso che frena lo sviluppo dell’intero territorio trapanese”.

Giuseppe Morfino

REDAZIONE – “Quando, nelle fasi preliminari del processo “Scrigno” – dice il sindaco Morfino – il Comune di Custonaci ebbe contezza della partecipazione di Giuseppe Costa alle vicende che riguardavano gli altri imputati, non ebbe alcuna esitazione a costituirsi parte civile. Anzi, fu proprio quel nome a determinare l’Amministrazione comunale a prendere parte attiva al dibattimento che si accingeva ad avere inizio.

Nella richiesta di costituzione di parte civile, la difesa dell’Ente evidenzio’, benché all’epoca Costa non fosse parte del processo, che i suoi gravissimi precedenti legati al sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo disonorassero tutta la comunità di Custonaci. Al contempo – prosegue – ad avviso dell’Amministrazione, emergeva, già dall’approfondita disamina degli atti di indagine, l’interessamento di Giuseppe Costa alle competizioni elettorali, circostanza che ha ulteriormente rafforzato il proposito del Comune di Custonaci a non restare silente nel processo”.
Il sindaco Morfino e l’Amministrazione comunale esprimono compiacimento nei confronti dell’azione sinergica della Dia e dei Carabinieri che hanno consentito di approfondire e svelare ulteriori aspetti di rilievo penale, scardinando logiche e interessi mafiosi.
Il Comune di Custonaci impegnato quotidianamente nella lotta alla mafia, nell’affermazione della legalità e dei principi democratici si costituirà parte civile anche in questo processo.
https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*