Brexit – Cosa succederà ora?

https://testcovid.costruiresalute.it/
Reading Time: < 1 minute

Il Regno Unito ha lasciato l’Unione europea ai sensi dell’accordo di recesso. Ma di cosa tratta l’accordo? L’accordo di recesso, firmato tra l’UE e il governo del Regno Unito, ha gettato le basi per una Brexit ordinata. L’accordo riguarda i diritti dei cittadini e i pagamenti all’UE, e istituisce accordi di confine e meccanismi di risoluzione delle controversie. Prima della votazione, il Parlamento ha ottenuto rassicurazioni sui diritti dei cittadini dell’UE che vivono nel Regno Unito e viceversa. Il periodo di transizione durerà fino al 31 dicembre. Cosa significa? Il periodo di transizione concede il tempo necessario per i colloqui sulle relazioni future. Durante questo periodo, il Regno Unito avrà ancora accesso al mercato unico e sarà soggetto alla legislazione dell’UE, ma non parteciperà più al processo decisionale. Cos’è cambiato nel Parlamento europeo? Dal 1° febbraio, il Regno Unito non è più rappresentato in Parlamento. Per compensare la sottorappresentazione in seguito a cambiamenti demografici, 27 dei 73 seggi sono stati ridistribuiti ad altri paesi dell’UE, mentre i restanti 46 seggi saranno conservati per futuri allargamenti. Prima dell’uscita del Regno Unito il Parlamento europeo contava 751 deputati, ora sono 705. Di cosa si discuterà durante i colloqui sulle relazioni future? Quali ambiti riguarderanno? I colloqui riguarderanno molte questioni: commercio, pesca, servizi finanziari, libertà di movimento, copertura sanitaria, trasporto aereo e standard ambientali sono solo alcune di esse. Che succede ora? Sia l’UE, sia il Regno Unito desiderano concludere i colloqui prima della fine del periodo di transizione a dicembre 2020 per garantire una transizione senza intoppi. Una proroga potrà essere concessa una volta, se richiesta prima di luglio 2020.

https://www.sabatechnology.tech/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*