Allerta Meteo, lunedì 9 febbraio è il “The Day After Tomorrow” del Sud

https://testcovid.costruiresalute.it/

Allerta Meteo, previsioni molto preoccupanti per lunedì 9 febbraio al Sud: gelo record, venti impetuosi e abbondanti bufere di neve con accumuli eccezionali fin sulle spiagge più meridionali d’Italia

REDAZIONE, 08 FEB – Lunedì 9 febbraio rischia di diventare il “The Day After Tomorrow” del Sud Italia: le previsioni meteo sono molto preoccupanti e stavolta, però, non si tratta di un film. La storia di fantascienza apocalittica del filone catastrofico sceneggiata dal famoso regista americano Roland Emmerich nel 2004 ha avuto grande fortuna nelle sale, ma ha anche segnato uno spartiacque importante nel panorama scientifico che da ormai dieci anni fa riferimento a questo film per commentare, evidenziare, stigmatizzare o paragonare gli eventi reali con quelli della fantasia.

Oggi richiamiamo “The Day After Tomorrow” nelle previsioni meteo per lunedì 9 febbraio al Sud perchè le prospettive per le prossime ore sono da brividi. E non solo. Quest’inverno adesso merita davvero una seria riflessione climatologica, e ci auguriamo che da questa provocazione cinematografica possa iniziare un lavoro di studio e analisi doverosamente approfondito. Nell’arco di 40 giorni dopo i record di gelo e le nevicate senza precedenti che tra 30 dicembre 2014 e 1° gennaio 2015 hanno interessato sempre le Regioni meridionali, adesso si sta per ripetere un evento che alla Vigilia sembra ancor più pesante. Ovviamente le somme le tireremo nei prossimi giorni, ma le previsioni sono di un freddo persistente per tutta la prossima settimana dopo la violenta sferzata polare di lunedì.

In tanti leggono le nostre previsioni nell’incredulità e nello scetticismo, simili a quelli che hanno accompagnato le straordinarie nevicate di Capodanno (poi puntualmente verificatesi) o la grande nevicata dei giorni scorsi al centro/nord (anche in questo caso, puntualmente verificatasi). Stavolta, però, non ci sentiamo di stigmatizzare quei cittadini abituati a vivere nelle zone più miti d’Italia, che la neve la vedono una volta ogni 20, 30 o 50 anni, di fronte a simili previsioni: anche noi siamo un po’ frastornati dalla lettura delle mappe meteorologiche che sono davvero impressionanti e lasciano sbigottiti, e riusciamo a realizzare le previsioni meteorologiche soltanto con le mani tremanti. Cosa sta succedendo al nostro clima? I dati parlano chiaro sul trend del riscaldamento globale, ma come mai si verificano sempre più spesso eventi precipitativi violenti con alluvioni, frane e inondazioni, e anche irruzioni di gelo sempre più intense con nevicate sempre più straordinarie?

Veniamo alle previsioni meteo per lunedì: ribadiamo massima attenzione. Non solo gelo da record con temperature da Lapponia nel Sud Italia (fino a -15°C su tutta la dorsale Appenninica a quote inferiori ai 2.000 metri di altitudine, fino a -3°C sulle coste del basso Adriatico, fino a 0°Csulle coste siciliane), ma anche maltempo estremo con precipitazioni abbondanti. Secondo le ultime mappe potrebbero cadere addirittura 20cm di neve sulle coste del basso Tirreno e in alcuni litorali jonici! Attenzione ai venti impetuosi di tramontana, superiori ai 100km/h in tutte le Regioni del Sud, con violente mareggiate sulle coste esposte. Il Wind-Chill porterà la temperatura percepita dal corpo umano fino ai -10°C sulle coste e ai -30°C nelle zone interne dell’Appennino. Sarà una giornata da brividi.

[Meteoweb]

https://www.sabatechnology.tech/

5 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*