[GP Nuvolari] Sesto trionfo di Vesco-Guerini, secondi e quarti gli equipaggi campobellesi: i coniugi Margiotta – La Chiana e Di Pietra – Di Pietra padre e figlio

La 26ª edizione dedicata alle auto storiche che quest’anno ha richiamato 300 vetture in rappresentanza di 50 Case

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Fiat 508 S Balilla Sport del 1934 ha vinto la 26ma edizione moderna del Gran Premio Nuvolari, condotta al successo dall’equipaggio Vesco-Guerini che, dopo la Mille Miglia in maggio, ha conquistato ora anche il podio di Mantova.

La Capitale Italiana della Cultura 2016 saluta – con questo successo – la quinta vittoria consecutiva al Gran Premio Nuvolari di Vesco-Guerini, primi in una gara impeccabile vinta di misura davanti alla Volvo P120 del 1958 dei coniugi campobellesi Nino Margiotta e Valentina La Chiana. Al quarto posto un altro equipaggio campobellese, quello di Francesco e Giuseppe di Pietra su Fiat 508.

Un weekend memorabile dove a vincere è stato soprattutto il Gran Premio Nuvolari che, raggruppando oltre 300 vetture a rappresentare 50 Case automobilistiche provenienti da 18 diversi Paesi del mondo, si conferma come una delle più prestigiose manifestazioni al mondo per le auto d’interesse storico. ”Un successo inseguito con determinazione – ha esordito Andrea Vesco sul palco di Mantova subito dopo l’arrivo – Non pensavamo di riuscirci, visto il livello dei concorrenti che ci hanno conteso la vittoria”. I piloti bresciani, che con il quinto successo consecutivo al Gran Premio Nuvolari e la recente vittoria alla Mille Miglia, spiegano a caldo come hanno ottenuto un’altra grande affermazione in questo 2016 per loro memorabile. ”Una gara che abbiamo vinto grazie ad una seconda tappa, la Forte dei Marmi-Rimini, strepitosa e mantenendo la concentrazione per gli oltre mille chilometri del percorso”. La 26ma edizione della gara conferma il grande successo del Gran Premio Nuvolari organizzato da Mantova Corse in collaborazione con ACI Mantova e Museo Tazio Nuvolari, frutto di un’ottima ed esperta organizzazione. Una manifestazione che acquisisce popolarità in tutto il mondo grazie anche al contribuito del main partner Audi, presente a Mantova con il reparto Audi Tradition e l’ormai leggendaria Auto Union Type D del 1939 del Mantovano Volante.

[redazione]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: