[CIVM] La 65^ Coppa Nissena atto decisivo del Campionato

Presentata la competizione organizzata dall’Automobile Club Caltanissetta che dal 20 al 22 settembre è 11° round di Campionato Italiano Velocità Montagna con validità TIVM sud e Campionato Siciliano. Per i 211 iscritti le verifiche venerdì in centro nella Piazza Garibaldi, sabato le ricognizioni e domenica le due salite di gara lungo i 5.450 metri di percorso. E’ sfida tricolore aperta tra Faggioli, Magliona e Merli, ma Cubeda, Conticelli, Nappi, Marino, Vacca e Farris pronti all’agguato. Tre i Campioni 2019 iscritti
Image

La 65^ Coppa Nissena è 11° e penultimo round di Campionato Italiano Velocità Montagna e dal 20 al 22 settembre la competizione organizzata dall’Automobile Club Caltanissetta è secondo dei due appuntamenti siciliani e penultima del calendario 2019. La gara nata nel 1922 è particolarmente legata con la propria città e questa mattina è stata presentata al Municipio di Caltanissetta e tra le principali novità vi son le verifiche che si svolgeranno domani, venerdì 20 settembre nella centrale Piazza Garibaldi. Numerose, come di consueto le attività collaterali organizzate in occasione della Coppa Nissena dall’ente presieduto dall’avv. Carlo Alessi, tra cui la tavola rotonda “La Sicurezza Stradale ed i giovani”, la presentazione del “Gattopardo Volante” libro dedicato all’indimenticabile Barone Antonio Pucci e la mostra fotografica allestita nell’atrio del Palazzo comunale, che ripercorre la storia della blasonata gara siciliana.

I particolari dell’evento nisseno sono stati illustrati alla stampa dallo stesso Presidente AC Alessi, dal Sindaco Roberto Gambino, dal Direttore di Gara Alessandro Battaglia e dal Delegato Provinciale ACI Sport Maurizio Giugno, alla presenza dell’Assessore comunale allo sport Fabio Caracausi. Le Verifiche si svolgeranno dalle 14.30 alle 20, mentre alle 9.30 di sabato 21 scatterà la prima delle due manche di ricognizione sui 5.450 metri di tracciato che domenica 22 a partire dalle 9 sarà teatro di decisive sfide tricolori. L’organizzazione ha anche predisposto un servizio navetta attivo fino alle 8.15 in entrambe le giornate a motori accesi.

-“La Coppa Nissena è un evento sportivo di grande importanza che si realizza grazie al lavoro congiunto di tante componenti del territorio – dichiara l’Avv. Carlo Alessi Presidente dell’Automobile Club Caltanissetta – Grazie all’iniziativa dell’amministrazione comunale le verifiche tecniche saranno tenute nel Centro Storico, proprio per coinvolgere l’intera città. Anche quest’anno si svolgerà la consueta tavola rotonda su la sicurezza stradale e i giovani, su un argomento che ormai è diventato di vitale importanza. La Coppa Nissena è un vanto per la città, anche se comporta uno sforzo economico notevolissimo. Per garantire gli elevati standards di sicurezza previsti, l’AC Caltanissetta sopporta un costo di circa € 120.000,00. Un particolare ringraziamento viene rivolto all’Anas per il rifacimento di molti tratti del manto stradale del percorso, beneficio anche per la circolazione ordinaria. Anche quest’anno saranno presenti tutti i migliori piloti del campionato italiano e la loro presenza gratifica molto la nostra organizzazione, gli addetti ai lavori e tutti gli appassionati dello sport automobilistico. Alle migliaia di spettatori previsti rivolgiamo l’augurio di un buon divertimento”-.

-“La Coppa Nissena è per noi la manifestazione sportiva dell’anno – sono le parole del Sindaco Roberto Gambino – Le quinte architettoniche del centro storico di Caltanissetta sono uno scenario unico per ospitare le vetture in occasione delle verifiche tecniche del venerdì. Una decisione presa di comune accordo con il presidente Alessi che salda il rapporto di collaborazione tra il Comune e l’Automobile club che ottengono reciproci benefici in termini di visibilità della manifestazione sportiva e di valorizzazione del centro storico. Vanno in questa direzione anche le manifestazioni che fanno da cornice all’evento sportivo: la mostra fotografica nell’atrio del Comune, l’esposizione delle auto d’epoca e il convegno sulla sicurezza stradale al Teatro Margherita”-.

Image

“La Coppa Nissena è una gara unica per le sue caratteristiche tecniche e di selettività, molto amata e apprezzata dai piloti” – lo ha sottolineato in conferenza Simone Faggioli, sette volte vincitore della gara dove torna dall’ultima presenza nel 2014, neo campione europeo per l’11^ volta e 12 volte tricolore, che proprio alla Nissena debuttò nel 1997 su Renault 5 GT Turbo. Simone Faggioli, portacolori Best Lap, sulla Norma M20FC arriva in centro Sicilia al comando della classifica tricolore dopo lo squillante successo a Erice, ma rimane in scia il tenace sardo di CST Sport Omar Magliona sulla Osella PA 2000 Honda, che si trova al comando tra le biposto di gruppo E2SC, mentre il trentino Christian Merli su Osella FA 30 Zytek deve assolutamente cercare la vittoria per lasciare aperta la caccia al titolo assoluto; l’alfiere Vimotorsport è passato in testa al gruppo delle monoposto E2SS. Attesi al via i siciliani Domenico Cubeda, l’etneo reduce dal podio ericino, il trapanese Francesco Conticelli, quarto in casa, sulle Osella FA 30 di classe regina. Il rientro di Piero Nappi, assente a Trapani per motivi di lavoro, ora potrà testare le ultime regolazioni dell’Osella PA 30 Judd su un tracciato tecnico e scorrevole che l’esperto napoletano predilige. Tra le monoposto anche il giovane salernitano di Speed Motor Angelo Marino torna della partita con la Lola Zytek made in Dalmazia Motorsprt.

Mentre rilanciano la sfida sulle Oella PA 2000 i sardi Sergio Farris, molto in forma ad Erice e Giuseppe Vacca, a caccia del definitivo riscatto dopo le sfortune di metà stagione che ne hanno compromesso migliori ambizioni. Il ritorno di Luigi Fazzino e la conferma di Samuele Cassibba, le due giovani conferme siciliane sule Osella spinte da motori di derivazione motociclistica Suzuki, dove però onora il campionato il neo campione veneto di Alby Racing Federico Liber sulla scattante ed agile Gloria C8P Suzuki che cercherà una nuova vittoria, mentre il lucano Achille Lombardi non molla e cerca il successo sulla sempre più incisiva Osella PA 21 Jrb BMW di classe, troppo spesso privato del meritato successo da una sorte un pò troppo severa. Proprio nella categoria dei motori moto saranno avversari ostici il giovane calabrese Dennny Molinaro che torna in salita per testare alcuni aggiornamenti sulla Osella PA 21 Jrb curata dalla DM Competizioni, il forte catanzarese Francesco Ferragina, che sulla Elia è in corsa per il TIVM sud, poi il catanese Giuseppe Spoto che ha impensierito molti avversari salendo sul podio a Erice e il trapanese Andrea Pace, sempre più in confidenza con l’Osella PA 21 Jrb e l’altro catanzarese Giuseppe Rubino che vede la Coppa di classe E2SC 1600 sulla Radical. Nella irrinunciabile gara di casa su Elia anche Gaspare “Rino” Giancani, figlio del ricordato ed appassionato Onofrio.

In gruppo CN in corsa per le posizioni da podio ,a giovane e sempre più convincente Martina Raiti su Osella da 1.6 cc e il catanese Gaetano Stefano Gambino sulla versione PA 21 EVO. Tra le estreme silhouette del gruppo E2SH l’ascolano Alessandro Gabrielli  vede la strada spianata verso un affondo in assolo e verso il titolo sulla sempre più competitiva Alfa 4C Picchio sovralimentata, mentre “Gabry Driver” sulla Honda Civic cerca un altro successo a coronamento di un’ottima stagione in classe 1600.

In gruppo GT il titolo va nelle mani di Lucio Peruggini su Lamborghini Huracan che non sarà al via della gara per un guasto alla frizione. Il titolo arriva matematicamente al foggiano vista la contemporanea assenza del diretto rivale Luca Gaetani. Sarà comunque sfida appassionante tra le super car Rosario Parrino sarà Lamborghini Huracan in corsa per la GT Super Cup, mentre sul fronte Ferrari le belle 488 di Roberto Ragazzi e Maurizio Pitorri.

In GT Cup il veneto Stefano Artuso rookie della serie si è avvicinato alla coppa sulla 458 EVO, ma proprio a Caltanissetta potrebbe arrivare la consacrazione in TIVM ed altri punti di GT Cup per il catanese Vincenzo Gibiino sulla Ferrari 458 Challenge EVO, ma torna in gara l’esperto pugliese Francesco Leogrande su Porsche 996 ed il calabrese Rosario Iaquinta, neo campione di gruppo CN, che vuole completare il campionato sulla Ferrari 430.

Occorre ancora un affondo decisivo per il campano Giuseppe D’Angelo per conquistare il gruppo E1 dove è leader sulla Renault New Clio, reduce da un altro ottimo successo ad Erice. Anche al giovane pugliese Andrea Palazzo occorrono punti preziosi per conquistare la Coppa di classe 3000 e rincorrere fino in fondo la classifica under che il portacolori della Fasano Corse contende al tarantino Vanni Tagliente, entrambi sulle due differenti versioni della Peugeot 308 Racing Cup. Vitantonio Micoli sempre più leader della classe E1 600 turbo e l’alfiere Apulia Corse sulla Renault 5GT cercherà un nuovo successo per chiudere il discorso tricolore, mentre nella stessa categoria Bedorah Broccolini si vuole avvicinare sempre più al vertice sulla MINI JCW, mentre l’umbra ha già afferrato la Coppa Dame dove è inseguita dalla corregionale Paola Pascucci su auto gemella e da Martina Raiti.

Marco calderone dopo il successo ericino sulla Peugeot 106 è vicino alla Coppa di classe 1.6 e sempre più solo sul secondo gradino del podio di gruppo A, al primo anno di CIVM completo per il driver del Team Phoenix, ma in classe si ripresenta il palermitano Riccardo Arceri sulla prestante Renault Clio Super 1600, l’esperto calabrese Bruno Crucitti e Filippo Cardillo tutti su Peugeot 106. Potrà dare la caccia ai punti di gruppo N concentrato sulla gara il pugliese Giovanni Lisi al volante della Honda Civic Type-R con cui è al comando e reduce del successo trapanese.

Sarà un nuovo testa a testa tutto pugliese e tra MNI per il vertice e la rincorsa al titolo di gruppo Racing Start Plus tra il leader tarantino Vito Tagliente e il fasanese Giacomo Liuzzi, quest’ultimo vincitore ad Erice, ma il portacolori SCS Motorsport rimane al comando. Ago della bilancia potrebbe essere il messinese Agostino Scaffidi, sempre più in piena confidenza con la MINI. Nuovamente al via anche il catanese Salvatore Guzzetta che sulla Renault Clio ha dettato legge a Trapani. Tutto da decidere in Racing Start RST, tra le auto turbo, con il sempre più aperto duello anche qui tra MINI e tra pugliesi di Fasano: Giovanni Angelini e Oronzo Montanaro, i due sono 1° e 2° nel tricolore e così hanno chiuso ad Erice, me le classifiche sono sub iudice per via delle verifiche necessarie in corso dopo un reclamo. A seguire nel tricolore altri due convincenti pugliesi su MINI: Marco Magdalone e Angelo Loconte.

Tra le auto con motore aspirato sarà una cavalcata verso la Coppa di classe 2000 per il salernitano Francesco Paolo Cicalese che sulla Honda Civic Type-R della Tirreno Motorsport ha fatto valere la sua lunga esperienza anche a Erice, ma pronto sempre all’assalto il calabrese Arduino Eusebio che potrebbe attaccare il 2° posto.

Affollata la classe delle “Bicilindriche” dove il calabrese campione in carica Domenico Morabito dovrà fronteggiare due campioni degli anni passati, tra gli altri, il catanzarese Angelo Mercuri e il catanese Andrea Currenti, tutti sulle Fiat 500. Tra le 42 autostoriche svettano i nomi dei palermitani Ciro Barbaccia su Stenger,  Antonio Piazza su Lucchini Sport Nazionale e Andrea Barbaccia su Osella, tutte di 4° raggruppamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: