Tre arresti e cinque perquisiti: Smantellata cellula Isis fra Italia e Balcani

antiterrorismo.jpg_415368877

REDAZIONE, 25 MAR – Operazione anti Isis delle forze dell’ordine italiane fra il nostro Paese e l’Albania. Sono stati arrestati con l’accusa di reclutamento con finalità di terrorismo e apologia di delitti di terrorismo, aggravata dall`uso di Internet due cittadini albanesi, zio e nipote, il primo residente in Albania e l`altro in provincia di Torino, e un 20enne cittadino italiano di origine marocchina, anch`egli residente in provincia di Torino.Sono in corso diverse perquisizioni in Lombardia, Piemonte e Toscana nei confronti di alcuni simpatizzanti del Califfato emersi nelle indagini.
La cellula di estremisti islamici che operava tra l’Italia e i Balcani, smantellata dall’Antiterrorismo della Polizia al termine di una lunga indagine, secondo quanto si apprende era dedita al reclutamento di aspiranti combattenti e al loro instradamento verso le milizie dell’Isis. L’indagine, rende noto il direttore della Direzione centrale della polizia di prevenzione (Ucigos), il prefetto Mario Papa, è durata due anni ed è stata coordinata dall’Ucigos e condotta dalla Digos di Brescia con il concorso delle questure di Torino, Como e Massa Carrara. Uomini dell’ Antiterrorismo, della questura di Brescia e del Servizio di cooperazione internazionale di Polizia stanno operando anche in Albania, nella zona di Tirana.
Nell’ operazione Balkan Connection, che ha portato agli arresti di oggi da parte della Polizia, sono state eseguite anche cinque perquisizioni. Gli arresti sono scaturiti da un’attività investigativa iniziata dalla Questura di Brescia nel 2012. I dettagli dell’operazione saranno resi noti in una conferenza stampa alle ore 11.30 alla Procura della Repubblica di Brescia.
[tiscali]
[useful_banner_manager banners=19 count=1]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: