Cristaldi “bacchetta” Commissario regionale Ato Belice

sonia alfanocristaldi

MAZARA, 10 FEB – “Relativamente alla vicenda Ato Belice per la quale il Commissario nominato dalla Regione, Sonia Alfano, si è lanciata in dichiarazioni di una certa gravità, offensive e  calunniose nei confronti dei commissari precedenti nominati dalla stessa Regione, vale la pena di far notare come la Alfano è  a nostro avviso andata  ben oltre il mandato conferitole,   immaginando di aver ricevuto un potere divino sulla gestione dell’Ato Belice Ambiente, violando la natura del decreto di nomina e suscitando seri dubbi circa le reali intenzioni della Stessa”.Lo dichiara il Sindaco della Città di Mazara del Vallo, on Nicola Cristaldi.

“Non c’è alcun dubbio – continua il già Presidente dell’Ars –  che se la Alfano vede azioni illecite, illegittime o addirittura criminali è obbligata  a rendere pubblici i fatti che l’ hanno portata a tali esternazioni, mentre non è sufficiente che dichiari genericamente di essersi rivolta alla Corte dei Conti o alla Procura della Repubblica.  La Procura della Repubblica – prosegue Cristaldi – sarà certamente chiamata ad indagare sui poteri che la stessa Alfano sta esercitando, di fatto violando ogni corretto principio di collaborazione, anche istituzionale, cui ogni funzionario della Regione nominato commissario è tenuto.  Non si comprendono le motivazioni del continuo cambiamento dei commissari  dell’Ato Belice (ben sei dal 1.10.2013 ad oggi).  Una forte dose anche di dilettantismo sta caratterizzando la gestione commissariale della stessa Ato Belice ed è per tale motivo che sarebbe bene che il Presidente della Regione  prendesse atto sia delle dichiarazioni della Alfano –  a proposito delle accuse lanciate ai suoi predecessori –  sia della necessità di affidare il compito di commissario a persone competenti in materia e rispettose delle leggi e dei decreti emanati dalla Regione”. 

“In riferimento all’incarico ricevuto  – aggiunge il Sindaco Cristaldi – vale  la pena  ricordare che la Alfano  è stata  nominata Commissaria  per  assicurare, in nome e per conto dei Comuni soci della Belice,   la continuità del servizio nelle more del definitivo trasferimento dei servizi ai soggetti individuati ai sensi della normativa vigente. Si tratta di un incarico a tempo, originariamente  di tre mesi e successivamente prorogato  sino al 30.6.2015.  E’ del tutto evidente, invece,  che tale Commissario intenda  appropriarsi di funzioni e compiti che sono dei Comuni, suscitando un interrogativo: perché la Alfano vuole gestire Lei l’Ato Belice?

E sia chiaro – dice il Primo Cittadino – che il Comune di Mazara del Vallo vuole andare verso una gestione privata della raccolta dei rifiuti stante che questo assicurerebbe un miglior servizio con un minore costo per i cittadini e stante che anche i lavoratori sarebbero tutti garantiti, da un punto di vista occupazionale, considerato che le ditte private sarebbero ‘obbligate’ ad avvalersi di tale forza lavoro.  E’ certo,  comunque, che  le gare d’appalto saranno gestite da organi lontani dai Comuni e vicini alle Regione.  Affermare poi – conclude l’on Cristaldi – che Noi si voglia operare per mandare a casa i lavoratori è  privo di fondamento, calunnioso, offensivo e gratuitamente puerile. Sono dichiarazioni smentite da precisi atti adottati dal Consiglio di Amministrazione della S.R.R. e per di più  il Piano di Intervento del Comune di Mazara del Vallo prevede, non solo il mantenimento in servizio degli operatori già in essere, ma  addirittura 21 nuove assunzioni”.

[redazione]

[useful_banner_manager banners=19 count=1]

4 pensieri riguardo “Cristaldi “bacchetta” Commissario regionale Ato Belice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: