Il gruppo internazionale dei Radiodervish in concerto a Blue Sea Land 2015

Radiodervish

MAZARA, 04 OTT – Saranno i “Radiodervish” a concludere la giornata inaugurale della IV edizione di Blue Sea Land-Expo dei Distretti Agroalimentari del Mediterraneo, dell’Africa e Medioriente che si svolgerà dal 9 all’11 ottobre nella Kasbah di Mazara del Vallo.

Nell’ambito della rassegna “Blue Show/Events”, il 9 ottobre alle ore 22 nella suggestiva Piazza San Michele, si esibirà (l’ingresso al concerto è gratuito) il gruppo internazionale nato in Puglia nel 1997 dal sodalizio artistico tra il palestinese Nabil Salameh ed il pugliese Michele Lobaccaro; i Radiodervish cantano di uomini e donne appartenenti a spazi, culture e tempi differenti, di “varchi” tra Oriente e Occidente.

In 18 anni di attività, lavorando sempre in stretta collaborazione con il talento musicale Alessandro Pipino, i Radiodervish hanno pubblicato 11 dischi ed hanno interagito con numerosi musicisti tra i quali, Franco Battiato, Giovanni Lindo Ferretti, Orchestra Araba di Nazareth, Jovanotti, Stewart Copeland, Caparezza, Noa, Nicola Piovani, Giuseppe Battiston, Carlo Lucarelli, Teresa Ludovico e Valter Malosti.

Nella musica dei Radiodervish viene data grande importanza all’incontro tra mondi sonori differenti, attraverso testi colti e declinati in lingue diverse, dall’italiano all’arabo passando per l’inglese e il francese; quello del dialogo fra le culture e le religioni è il tema centrale di Blue Sea Land il cui claim 2015 è “Think Blue, Make Peace”. I Radiodervish sono stati ospiti dei più importanti palcoscenici italiani ed internazionali: Beirut, Bruxelles, Gerusalemme, Valencia, Atene, Quito, Betlemme, Tel Aviv, al Théatre de l’Olympia di Parigi, all’Opera House del Cairo, al Festival Carthage in Tunisia e ad Amman.

Nella loro esibizione all’Expo Blue Sea Land i Radiodervish, oltre ai loro brani più famosi, presenteranno il loro nuovo disco intitolato “Cafè Jerusalem” nel quale canzoni e brani strumentali si alternano in un affresco impressionistico ispirato ad un testo ambientato nella città contesa concepito da Paola Caridi, scrittrice e giornalista che ha vissuto a Gerusalemme per più di dieci anni.

Blue Sea Land si conferma così un luogo ove i sapori incontrano l’arte e la cultura. Nello stesso palcoscenico interculturale, attraverso la stessa rassegna “Blue Show/Events”, si incroceranno suoni, colori, manifestazioni artistico-culturali, sportive ed enogastronomiche che racconteranno storie di uomini di terra e di mare.

[redazione]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: