Campobello, Nel 2015 maglia nera del turismo trapanese

Dati contraddittori nel turismo in provincia

cave 1

TRAPANI, 05 AGO – La pubblicazione da parte dell’ufficio statistica del Libero Consorzio comunale di Trapani dei dati sull’andamento del turismo relativi al 2015 (rapportati con quelli del 2014), se da una parte fa gridare evviva ad alcuni amministratori comunali (su tutti Favignana, ma anche Trapani e Gibellina), dall’altra serve a fare riflettere altri amministratori(vedi Mazara del Vallo, Salemi ma su tutti Campobello), che hanno fatto un grosso passo indietro. Il risultato globale è di fatto positivo, essendosi registrato globalmente in provincia, nel 2015, un incremento di 64.481 arrivi (pari al 10 per cento, da 637.357 a 701.838). Un dato che è frutto principalmente della tensione nel Mediterraneo che ha interessato soprattutto il Nord Africa (Tunisia e Egitto), ma anche le difficoltà economiche della Grecia. È chiaro che la Sicilia se ne è avvantaggiata e Trapani ha goduto della sua fetta di turismo. Così Favignana registra un dato positivo boom del 134.8 per cento (da 48.756 a 114.491), mentre Trapani cresce del 10,4 per cento (da 77623 a 85705), Valderice del 17,7 per cento (da 24165 a 28450), Alcamo del 3,7 (da 12330 a12781). Sempre sui numeri bassi grosso salto in avanti di Calatafimi Segesta (+ 10,9 per cento), ma soprattutto di Gibellina che da 136 arrivi passa a 246 (+ 80.9), di Castelvetrano (da 88.660 a 93.461, + 5,4 per cento). Sostanzialmente stabili gli altri comuni, eccezion fatta per il calo di Campobello di Mazara ( meno 46,5 per cento, da 6.819 a 3.650) di Mazara del Vallo (meno 27,2, da 34.543 a 25.133), di Pantelleria (da 14.973 a 13.367, meno 10,7) di Buseto Palizzolo (meno 14,2) o Salemi (da 452 a 348, meno il 23 per cento). Quello che deve fare riflettere, comunque, è il dato delle presenze. Nonostante un incremento del 10 per cento di arrivi, si registra un meno 6,5 per cento di presenze, (da 2.375.690 del 2014 a 2.220.830 del 2015). Qua a pagare pegno è ancora Campobello (meno 46 per cento) Pantelleria (meno 20.2), Salemi (meno 23.2), Petrosino (meno 23.8), Mazara del Vallo (meno 18.4) e San Vito Lo Capo (meno 13.7). Il dato è collegato direttamente con la permanenza media che passa da 3,73 giorni a 3.16. E qui pesa la scarsa capacità che hanno gli operatori turistici della provincia e gli enti locali di intrattenere i turisti. Emblematico il dato di Favignana dove la presenza media scende dal 4.94 del 2014 ad appena il 2.12 del 2015, pari a meno 2.82 per cento. Insomma, la gente sull’isola arriva, ma non si ferma, anzi va via prima. Negli altri centri, la variazione della permanenza media è sostanzialmente uguale a quella del 2014, oscillando tutti gli altri comuni intorno allo 0,5, – 1 per cento. In conclusione di questa rapida lettura dei freddi numeri, fanno bene gli operatori dei comuni che sono stati beneficiati dalla crescita del flusso turistico ad essere soddisfatti, ma anche loro debbono, come i colleghi dei comuni che hanno registrato un decremento, analizzare i dati per andare ad individuare quali sono le pecche e mettere rimedio. Che il turista arrivi, è bene, ma che esso rimanga, quanto più a lungo possibile, è meglio. E lo si può fare offrendo servizi sempre migliori e facendolo sentire accolto, e non da “spennare”. Un ultimo dato che affidiamo alla riflessione di chi ha avuto la pazienza di continuare a leggerci nonostante i numeri: considerata una spesa di 35 euro al giorno per un soggiorno (spesa verosimilmente più bassa del reale), nel 2015 il settore del turismo ha portato induttivamente all’economia provinciale circa 78 milioni di euro. Che, come si suole dire, non sono bruscolini. Ebbene, pensiamoci quando qualcuno grida allo scandalo se un accordo commerciale con Ryanair, per esempio, ha un costo. Pensiamoci bene e misuriamo costi e benefici.

[ di Salvatore Morselli – TrapaniOggi]

[useful_banner_manager banners=15 count=1]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: