Partanna, furto di attrezzi agricoli e materiale ferroso: tre arresti

Arrestato L.S.Arrestato L.C.Arrestato D. G.A.

PARTANNA, 16 GIU – Che ogni genere di merce, di attrezzo agricolo e di materiale ferroso che permette di fare soldi sia diventato una fonte inesauribile per tanti pregiudicati della zona è senza ombra di dubbio un dato inequivocabile dell’ultima escalation criminale che, ormai da tempo, si verifica costantemente e con sempre maggiore intensità.

Nelle varie contrade della città di Partanna, infatti, di recente si erano verificati vari furti in magazzini rurali, causando danni economici a privati cittadini e consentendo ai malfattori di asportare merce varia di ogni tipo, compreso piccoli attrezzi agricoli, anche non funzionanti e materiale ferroso di ogni genere.

Proprio a seguito di tali eventi, i militari della Stazione di Partanna hanno quindi ritenuto continuare le proprie sinergie info-investigative ed intensificare i servizi di vigilanza nelle contrade di campagne sia durante le ore notturne, che anche nelle ore diurne atteso che vari casi di furti si sono verificato in pieno giorno.

Proprio a seguito del forte impegno dei Carabinieri la scorsa mattinata, in questa contrada  Vallesecco, si riusciva ad intervenire in tempo reale in uno dei tanti “raid” predisposti dai quei malavitosi che, nelle loro scorribande tra le campagne limitrofe hanno cercato in tutti i modi di appropriarsi di merce varie. Infatti, una pattuglia dipendente nel transitare nei pressi di un magazzino di proprietà del Comune di Partanna scorgeva tre soggetti intenti a smontare totalmente l’immobile da ogni suo pezzo, sia di ferrò, che di altro genere. Gli autori infatti veniva sopresi mentre erano comodamente impegnati allo smontaggio di varie barre di ferro per poi caricarli sul proprio mezzo di trasporto che consisteva in una piccola moto ape. Proprio grazie al repentino intervento della pattuglia, pertanto, i tre soggetti, tutti originari di Partanna L.C. di anni 40, L.S. di anni 60 e D.G.A. di anni 30 già noti alle cronache giudiziarie per vie di trascorsi analoghi, venivano prontamente fermati dal loro intento e quindi condotti in Caserma per gli accertamenti di rito. Successivamente in questi Uffici, una volta accertate le loro responsabilità di furto aggravato, venivano dichiarati in stato di arresto e sottoposti alla misura degli arresti domiciliari in attesa del rito con giudizio direttissimo. Il competente Tribunale di Sciacca, in sede di udienza, convalidava l’arresto e disponeva per tutti i tre autori la sottoposizione alla misura dell’obbligo alla presentazione alla p.g. L’intera refurtiva recuperata veniva direttamente restituita a dipendente del Comune di Partanna che ovviamente sporgeva regolare denuncia di patito furto.

L’attività indicata rientra, quindi,  nella tipologia di servizi, istituiti appositamente dalla Compagnia Carabinieri di Castelvetrano, al fine di effettuare un’incisiva attività di prevenzione e repressione volta a contrastare in modo efficace il dilagante fenomeno dei reati predatori, con l’impiego di numerose pattuglie sia durante il giorno che durante le ore notturne.

[useful_banner_manager banners=7 count=1]

fonte: CC Castelvetrano

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: