Palermo. Nascondeva pistola e munizioni nell’officina

I Carabinieri arrestano cognato del capomandamento di Resuttana

Ieri mattina i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Palermo hanno arrestato, con l’accusa di detenzione illegale di armi e munizioni, MANSUETO Simone, palermitano classe 1962.

I militari dell’Arma a seguito di perquisizione eseguita all’interno dell’officina meccanica hanno rinvenuto e sequestrato : 1 pistola a tamburo, marca Sfare GTV;  10 proiettili cal. 22, con punta camiciata; 33 proiettili cal. 22, con punta in piombo dolce; 22 proiettili cal. 44 magnum, con punta cava in piombo dolce;  30 proiettili cal. 44 magnum, con punta in doppio strato; 1 bossolo cal. 44 magnum; 2 fondine.

MANSUETO S. è il cognato di NIOSI Giovanni, detto “il pompiere”, classe ‘54, già reggente del mandamento mafioso di palermo “Resuttana”, destinatario delle ordinanze di custodia cautelare nell’ambito delle operazioni “Talea” e “COrSA Nostra” rispettivamente del 5.12.2017 e del 12.12.2018 ed attualmente ristretto in carcere.

Lo stesso è stato tradotto presso locale casa circondariale “Pagliarelli”, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’arma e tutto il munizionamento sequestrato verranno sottoposti, dal RIS dei Carabinieri, ad accertamenti balistici per verificare se la pistola sia riconducibile ad attività delittuose.

SONY DSC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: