Donna morta dopo il parto: a giudizio due medici dell’ospedale di Castelvetrano

ospedale castelvetrano 25

 CASTELVETRANO, 04 GIU –  Due medici del reparto di Ginecologia dell’ospedale Vittorio Emanuele II di Castelvetrano, sono stati rinviati a giudizio per omicidio colposo in concorso dal giudice delle udienze preliminari di Marsala. Sono Cataldo Anzalone e Vito Cuttone, entrambi di 56 anni.

I due sanitari sono accusati di avere sbagliato diagnosi (per «negligenza, imprudenza e imperizia») sulla 32enne Girolama Leone, poi deceduta dopo avere partorito. Ad accompagnare la donna in ospedale, il 10 maggio 2011, era stato il marito. Il decesso avvenne, per emorragia cerebrale, il 13 maggio nel reparto di Rianimazione del Policlinico Paolo Giaccone di Palermo, dove Girolama Leone era stata trasferita, in eliambulanza, in seguito alle complicazioni sopraggiunte dopo il parto cesareo eseguito, l’11 maggio, all’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani.

La donna, che era al settimo mese di gravidanza, morì dopo avere dato alla luce una bambina, che adesso ha tre anni. Inizialmente i medici indagati furono otto. Oltre ad Anzalone e Cuttone, il cui processo, davanti il Tribunale di Marsala, inizierà il 27 giugno, anche un’altra ginecologa dell’ospedale di Castelvetrano, i due ginecologi dell’ospedale di Trapani che eseguirono il taglio cesareo d’urgenza e tre anestesisti dello stesso nosocomio. Dalle indagini, condotte dalla sezione di pg della Guardia di finanza della Procura di Marsala e coordinate dal procuratore Alberto Di Pisa, sono, però, emerse responsabilità, secondo l’accusa, solo a carico di Anzalone e Cuttone, i primi due medici a intervenire.

fonte:gds.it

[useful_banner_manager_banner_rotation banners=1,2,3,4,6,7,8 interval=3 width=200 height=200 orderby=rand]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: