CASTELVETRANO, 11 AGO Nell’ambito del piano volto alla prevenzione ed alla repressione dell’abusivismo commerciale e dei delitti afferenti alla disciplina sui diritti d’autore e sui diritti di privativa industriale, le Fiamme Gialle di Castelvetrano, negli scorsi giorni, hanno posto sotto sequestro 2.168 kg di prodotti ortofrutticoli proposti per la vendita da ambulanti completamente abusivi, privi cioè di qualsivoglia autorizzazione in spregio alle norme che disciplinano il commercio di generi alimentari in maniera itinerante.

Nel corso di distinti interventi ispettivi, eseguiti tutti a Castelvetrano, militari appartenenti al Nucleo Mobile della Tenenza hanno individuato due automezzi attrezzati per la vendita ambulante, posizionati in aree di sosta ove non vige nessuna concessione comunale.

Da un controllo più approfondito i “commercianti” sono risultati privi delle previste licenze autorizzative e sprovvisti di iscrizione alla Camera di Commercio. I finanzieri hanno quindi provveduto al sequestro della merce e all’applicazione delle conseguenti sanzioni amministrative.

La merce sequestrata, prevalentemente frutta di ottima qualità proveniente dai territori limitrofi, è stata devoluta alla Caritas e ad una parrocchia. Il contrasto alla concorrenza sleale nel settore ortofrutticolo rientra nelle competenze operative della Guardia di Finanza, il cui impegno è anche finalizzato a salvaguardare l’economia locale dai gravi effetti distorsivi provocati dall’illecita pratica in rassegna.

I sequestri in parola si affiancano ai controlli volti al contrasto dell’economia illegale eseguiti di recente, nel corso dei quali i finanzieri di Castelvetrano hanno sequestrato 1.200 prodotti tra supporti magnetici privi del marchio SIAE e capi di abbigliamento riproducenti le più note griffe di moda.

Il controllo economico del territorio, prioritariamente rivolto ai sempre più affollati siti turistici e ai centri cittadini, continuerà nelle prossime settimane al fine di tutelare, in particolare, la filiera agroalimentare, settore fondamentale dell’economia castelvetranese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *