Campobello, appaltati i lavori per la pulizia del lungomare di Tre Fontane

L’appalto è andato alla Redilroad di Favara per un importo di 40 mila eurosabbia 7 febbraio 002

CAMPOBELLO, 12 GIU – E’ stata l’impresa Edilroad srl di Favara ad aggiudicarsi la gara d’appalto di euro 40.000 riguardante la movimentazione  della sabbia che si era accumulata sul manto stradale del lungomare di Tre Fontane, frazione del Comune di Campobello di Mazara, che per molto tempo ha impedito  la normale circolazione veicolare.

Il problema della sabbia sul lungomare, si va ad aggiungere a quello dei rifiuti che invadono tutta la frazione  e della pulizia del litorale.

Questi sono solo alcuni dei disagi che la popolazione o il turista che per caso si trova a passare da questa incantevole località può ammirare, cioè una località dalle forti potenzialità turistiche che si trova abbandonata a se stessa per colpa di chi non ha saputo valorizzarla e curarne il territorio.

Questi disagi. non sono degli eventi sporadici che in questo periodo di mancato governo politico si sono venuti a creare in questo Comune,  ci troviamo di fronte ad un problema sempre più grande che negli anni si è evidenziato sempre di più, cioè il  disinteresse generale per il bene pubblico.

Uso comune è  quello di  giudicare chi amministra un luogo, non ha saputo fare questo, non ha fatto quello, ma noi cosa facciamo per rendere vivibile il nostro territorio, montagne di rifiuti di tutti i generi che invadono il centro della frazione e non solo, la spiaggia è una discarica a cielo a aperto, la salvaguardia dell’ambiente in cui si vive deve partire dal singolo cittadino che si trova in questo splendido habitat incontaminato, uno dei pochi ancora presente nel territorio nazionale.

Fra tutte le amministrazioni che si sono susseguite negli anni, poche sono state quelle che hanno mostrato un interesse vero, tangibile, indirizzato  allo sviluppo turistico delle frazioni.

Tra le poche cose realizzate oggi si può notare l’abbandono di queste, la mancanza di una semplice manutenzione che garantisca il minimo funzionamento ad esempio  dell’illuminazione della pavimentazione della piazza di Tre Fontane, delle luci che erano state collocate sui marciapiedi del lungomare, la cura del verde pubblico e tanto altro ancora.

Solo un rinnovamento di pensiero può cambiare le sorti di un luogo, preservare oggi quello che domani non sarà più preservabile, perché gli sforzi del presente per rendere il territorio migliore possano essere la forza del futuro per una ripresa economica e per una rivalutazione complessiva della nostra terra.

di C. Pizzolato – redazione campobellonews

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: