SCIACCA, 12 AGO – Erano stati bloccati con l’accusa di essere degli incendiari ma gli indizi a loro carico non sono stati giudicati sufficienti per confermare i «domiciliari» nei loro confronti. I tre arresti per incendio effettuati a Sciacca ed a Salaparuta sono stati convalidati dal giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Sciacca, Alberto Davico, ma per nessuno degli indagati è stata applicata misura cautelare. Tutti e tre sono stati rimessi in libertà come sollecitato dai loro difensori.

I tre sono Paolo Raso, di 69 anni, di Sciacca, e Francesco Salvagio, di 48, di Palermo, che erano stati fermati nella contrada Cutrone di Sciacca, e Fabio Milazzo, di 20 anni, di Alcamo, bloccato a Salaparuta. Raso e Salvagio nell’udienza di convalida si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, ma i loro legali, gli avvocati Maurizio Gaudio e Giovanna Maria Craparo, hanno escluso ogni responsabilità dei due in merito all’incendio che ha lambito alcune abitazioni e bruciato una vasta area di terreno, sfiorando anche impianti di telefonia e di energia elettrica. In pratica, secondo quanto sostenuto dalla difesa, i due avrebbero bruciato della sterpaglia in una striscia di terreno tra la strada e una proprietà di Salvagio.

gds.it