Un’auto su dieci ha gomme insicure La Polizia Stradale: «Fate i controlli»

ROMA – «Sicurezza vuol dire prevenzione» Vittorio Rizzi, direttore del servizio Polizia Stradale ha presentato mercoledì mattina a Roma la campagna controlli «Vacanze Sicure 2013» insieme con Fabio Bertolotti, direttore di Assogomma. Giunta alla decima edizione, l’iniziativa vuole lanciare un messaggio che va al di là dei dati statistici. «L’obiettivo della campagna è il controllo dei veicoli e il far rispettare le regole, ma poi c’è un aspetto educativo» ha detto Vittorio Rizzi. «Le regole di buon senso e di prudenza sono azioni virtuose che costituiscono un valore per la sicurezza stradale». I risultati dell’indagine sugli pneumatici realizzata in giugno di quest’anno su quasi 7.000 veicoli nelle regioni Piemonte, Lombardia, Friuli, Abruzzo, Calabria e Sardegna, sono stati illustrati proprio mentre milioni di italiani preparano le valigie per le vacanze estive. «Noi ci auguriamo che chi entra in macchina consideri l’inizio della vacanza da lì. Non bisogna guardare solo alla meta, ma prima di tutto al viaggio»

LA CRISI E IL RISPARMIO – Le regioni indagate, con il 33% del parco auto nazionale e 16 milioni di veicoli circolanti, rappresentano un campione significativo che mostra subito come la crisi economica incide sulla capacità di acquisto degli italiani. E i controlli agli pneumatici delle auto vengono trascurati con più facilità, mentre le auto in circolazione stanno subendo un repentino fenomeno di invecchiamento. Il 12% delle vetture controllate presenta almeno una non conformità riferita alle gomme. «La ricerca del risparmio a tutti i costi, favorisce la crescita di soluzioni di ripiego che possono costituire un elemento di rischio per la sicurezza stradale» – ha detto Fabio Bertolotti, – Questa è una delle ragioni che sta alla base dell’aumento di pneumatici non omogenei per asse che dal 3,2% passa al 5,5% con punte del 10,5 % in Abruzzo e di quasi l’8% in Calabria e Sardegna».

PNEUMATICI LISCI 
– Leggermente in calo rispetto ai controlli del 2012, nonostante le regioni indagate siano differenti, la percentuale di pneumatici lisci riscontrata al 2,7 % del campione, con però percentuali più che doppie in Calabria (5,5%), con punte a Reggio Calabria del 7%, a Teramo in Abruzzo del 6%, e a Vibo Valentia del 5,8%. La percentuale di pneumatici danneggiati visibilmente si riduce mediamente al 3%, ma con livelli tripli, rispetto al dato nazionale, a Cosenza (8,7%) e, a seguire Mantova(8%) e Reggio Calabria (6%). Calano le quantità di pneumatici non omologati, che si attestano a circa il 2% del campione con valori tripli a Como, fanalino di coda al 6%, Brescia al 5,4% e Novara al 4,9%. Si riduce anche il dato medio di pneumatici non conformi alla carta di circolazione con in inspiegabile picco a Trieste di oltre il 10,5%. «È importante che ogni veicolo monti pneumatici in conformità del dettato normativo per non compromettere la sicurezza alla guida e non incorrere in sanzioni» – ha spiegato Vittorio Rizzi -. Ad esempio, non tutti sanno che è sanzionabile la circolazione con pneumatici il cui battistrada abbia uno spessore inferiore a quello previsto dalla legge o che presenti tagli o incisioni»

PNEUMATICI ESTIVI – «Per viaggiare sicuri è indispensabile utilizzare pneumatici idonei al periodo stagionale, controllati accuratamente da rivenditori specialisti, e soprattutto opportunamente gonfiati» ha suggerito Fabio Bertolotti . «È un consiglio di civiltà che tra l’altro aiuta a risparmiare benzina e a ottimizzare il consumo delle gomme». Dai dati risulta in fortissima crescita la percentuale di pneumatici invernali ancora montati nel periodo dei controlli, la seconda decade di giugno, con una quota media del l’11,38%, con punte del 22,5% in Abruzzo. A livello provinciale, maglia nera a Sondrio (27,6%), seguita a ruota da Teramo (26,5%), Pescara (26,3%) e L’Aquila (23,5%). Un test organizzato da Assogomma e Federpneus a Bologna presso la fiera Autopromotec, a maggio di quest’anno ha dimostrato come con temperature calde, il pneumatico estivo riduce lo spazio di frenata su asfalto asciutto fino al 25% rispetto all’omologo invernale, mentre su bagnato la differenza di spazio di frenata arriva fino al 18% rispetto all’invernale.

SULLE STRADE QUESTA ESTATE – «Sulle strade saranno presenti 1500 pattuglie, ci sarà un elicottero sempre a disposizione e saremo supportati da carabinieri» ha assicurato Rizzi. «La novità di quest’anno saranno i pullman azzurri posizionati sulle strade per fornire informazioni sui pneumatici e sulla sicurezza, un servizio di educazione alla guida sicura». «E’ bene rammentare anche di ripristinare la pressione della ruota di scorta e di far controllare lo stato degli pneumatici di roulotte, carrelli appendice e camper che spesso sono stati fermi per 11 mesi, e che possono presentare oltre ad un classico sottogonfiaggio, anche deformazioni permanenti delle gomme».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: