VINO: I MIGLIORI AL MONDO DA TENERE IN CANTINA

cantina-ecce

di Elena Manzini

REDAZIONE, 03 NOV – Balzano tra i migliori su tutti lo  Champagne Brut 2012 di Krug, tra le maison simbolo di Francia,ed il Brunello di Montalcino Riserva 2010 di Biondi Santi Tenuta Greppo, cantina-culla di uno dei più grandi rossi d’Italia. Sono i due vini al top, gli unici giudicati 100/100 della  ecco i due“Top 100 Cellar Selection” 2016, la classifica della rivista americana “Wine Enthusiast”, che ogni anno seleziona i vini, tra gli oltre 20.000 recensiti da tutto il mondo, da tenere ancora incantina per la loro longevità (https://goo.gl/1cJQ4g).

Venti  le etichette italiane (30 quelle degli Stati Uniti, 24 quelle di Francia),  di cui 6 Brunello (Conti Costanti, Baricci, Ciacci Piccolomini d’Aragona, Capanna, Padelletti) e 6 Barolo (Mascarello Giuseppe e Figlio, Cavallotto, Elvio Cogno, Rivetto, Fratelli Alessandria e G.D. Vajra), con il Piemonte che conta anche un Barbaresco (Sottimano) ed unGattinara (Travaglini), ma anche 2 Taurasi dalla Campania (Guastaferro e Mastroberardino). Quattro i vini siciliani ritenuti tra i migliori (Passopisciaro,Tenuta delle Terre Nere, Duca di Salaparuta, Cos).

I venti vini che sono stati inclusi nella Top100 – spiega la responsabile di “Wine Enthusiast” dall’Italia, Kerin O’Keefe – sono meritevoli di entrare nelle cantine dei cultori dei vini italiani, ma ve ne erano molti altri ugualmente meritevoli, a dimostrazione del livello raggiunto dal vino italiano. Dei 3.000 vini che ho recensito nell’ultimo, anno ben 98 bottiglie sono state da me designate come Cellar Selection in virtù della loro elevata qualità e longevità prospettica”.

[useful_banner_manager banners=11 count=1]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: