Le parole dei produttori – Il presidente di HBO Programming Casey Bloys e l’amministratore delegato della Rai Fabrizo Salini, hanno annunciato che la seconda stagione di “L’amica geniale”, sarà prodotta e che sarà interamente basata su “Storia del nuovo cognome”, il secondo libro della quadrilogia di Elena Ferrante.

Entrambi si sono detti entusiasti del fatto che la storia di Elena e Lila abbia avuto un riscontro così potente tra i telespettatori e la critica toccando altissimi picchi di share durante la messa in onda delle varie puntate.

Si sono definiti impazienti di voler continuare il viaggio delle due bambine ormai donne segnate dalla loro condizione sociale e dai loro difficili percorsi di vita. Il successo della prima serie è stato definito come motivo di orgoglio per la Rai che ha dato la possibilità al pubblico italiano [VIDEO] di appassionarsi al racconto. Con la trasmissione della serie, l’emittente televisiva italiana ha avuto modo di confermare la scelta di la scelta di puntare ancora in futuro su coproduzioni internazionali in modo da valorizzare ancora di più i talenti italiani.

La trama del secondo capitolo – Il secondo capitolo della serie, così come il primo, ripercorrerà uno dei romanzi scritti da Elena Ferrante. Le storie dei personaggi coinvolti, riprenderanno dal punto esatto in cui si sono fermate con la fine della prima stagione.

Elena grazie ai suoi successi scolastici prosegue con i suoi studi e finalmente riesce ad allontanarsi dal Rione che per lei aveva sempre rappresentato un limite. Lila invece sceglie di sposarsi[VIDEO]perché vede nel matrimonio l’unica strada possibile per lei. La conclusione della prima serie ha accentuato ancor di più le differenze tra le due amiche di sempre. Nel secondo capitolo, Lila e Stefano si sposano e dopo il matrimonio la ragazza si ritroverà ad affrontare una profonda crisi nel suo rapporto di coppia dovuta al cambiamento caratteriale di suo marito che finisce per infrangere tutti i suoi sogni legati alla sua nuova vita, Lenù invece prosegue la sua carriera da studiosa, diplomandosi prima al liceo classico e poi conseguendo la laurea alla Normale di Pisa. In questo nuovo scenario, l’università per Elena e la maternità per Lila, separeranno i percorsi delle ragazze ma manterranno inalterata l’assurdità e l’intensità del loro legame. Gli eventi che riguarderanno le due protagoniste saranno anche stavolta elementi di cornice rispetto all’argomento di punta di questo nuovo capitolo: il rapporto ambiguo fra le due protagoniste che si ritroveranno a vivere in un rione alla periferia di Napoli nel bel mezzo degli anni Sessanta.

[fonte: https://it.blastingnews.com]