Santa Ninfa: Da lunedì via alle attività del centro estivo diurno per bambini e ragazzi

SANTA NINFA. Prenderanno il via lunedì 3 agosto le attività del centro estivo diurno attivato dal Comune e rivolto ai bambini d’età superiore ai tre anni e agli adolescenti fino ai quattordici anni. A gestirlo sarà l’associazione «Sapori e saperi», il cui progetto ludico-ricreativo si è aggiudicato la specifica selezione indetta dall’ente, che per finanziare il centro ha utilizzato i fondi assegnati dal Ministero delle Pari opportunità e della Famiglia (11.367 euro).

Il centro sarà operativo in una prima fase fino al 7 agosto e poi, in una seconda, dal 23 agosto fino al 4 settembre. Coinvolgerà 63 tra bambini e adolescenti, che saranno impegnati in diverse attività: dallo sport ai laboratori ricreativi, dalle attività manuali a quelle ludico-educative, dai giochi di animazione a quelli d’acqua, dalle passeggiate naturalistiche all’equitazione, per finire con le escursioni finalizzate a conoscere il territorio.
Diversi i partner istituzionali e privati che collaborano al progetto. Il centro estivo è del tutto gratuito per le famiglie, che non dovranno quindi sborsare nulla.
«In un momento delicato quale è quello che stiamo vivendo – spiega il sindaco Giuseppe Lombardino – l’intento dell’istituzione del centro estivo è quello di offrire alle famiglie un servizio di qualità che permetta un sereno ritorno in tutta sicurezza di tanti genitori e dei loro figli ad una nuova normalità». «In seguito all’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro Paese – gli fa eco l’assessore ai Servizi sociali Rosario Pellicane – si rendeva necessaria una progettazione del servizio del centro estivo che tenesse conto sia della necessità di garantire la salute dei bambini, sia del bisogno di molte famiglie di poter affidare i propri figli ad una struttura organizzata e funzionale». «Ogni mattina – precisa dal canto suo Silvana Glorioso, esperta del sindaco per le politiche sociali – all’ingresso, così come stabilito dalla normativa, verrà misurata la temperatura corporea sia degli addetti che dei bambini». «Bambini e ragazzi – conclude Liliana Giacalone, presidente dell’associazione – saranno impegnati in diverse attività che ne stimoleranno la socialità e la creatività, oltre a consentire la conoscenza degli altri e del proprio territorio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: