San Vito Lo Capo tra i paesi piu’ belli d’Italia per Skyscanner

REDAZIONE, 23 GEN – San Vito Lo Capo entra nella lista dei 20 paesi più belli d’Italia. Il borgo marinaro, infatti, è stato il più votato della Sicilia sulla piattaforma di viaggi Skyscanner nel 2018. Lo rende noto il sindaco, Giuseppe Peraino, appreso della classifica stilata dal motore di ricerca viaggi globale che  indica per ogni regione, in base anche al parere degli utenti che li hanno visitati, i piccoli borghi più apprezzati per i loro paesaggi unici e le loro tradizioni, tutte da vivere.

“E’ una grande soddisfazione  apprendere che il nostro meraviglioso territorio, con le spiagge dal mare cristallino, la natura incontaminata della Riserva dello Zingaro, il panorama mozzafiato di Macari che si affaccia su Baia Santa Margherita, fiore all’occhiello di Casteluzzo assieme alle sue eccellenze eno-gastronomiche,  siano state così largamente apprezzate dai turisti- dichiara il sindaco Peraino (nella foto a sx)-. La bellezza dei luoghi assieme alla capacità di accoglienza e professionalità dei nostri operatori turistici e ai servizi che quest’amministrazione ha cercato di offrire, seppur tra alcune, fisiologiche, difficoltà, assicurando innanzitutto la pulizia e il decoro dei luoghi, confermano una  crescente attrattiva turistica”.

La classifica ha interessato i paesi con una popolazione inferiore ai 35mila abitanti e un elevato stato di conservazione. L’ambiente è stato il minimo comune denominatore delle scelte degli utenti. “E’ proprio questa- conclude il sindaco Giuseppe Peraino-  la strada  che dobbiamo perseguire: tutelare e promuovere  il nostro patrimonio naturale, che costituisce la nostra ricchezza, per far sì che San Vito Lo Capo, assieme alle frazioni di Macari e Castelluzzo, diventi un luogo del cuore non solo per un turismo balneare ma anche per un turismo di nicchia, fatto di persone  che apprezzano  il contatto con la natura tutto l’anno e amano svolgere attività sportive all’aria aperta”.

Di San Vito Lo Capo sono stati giudicati positivamente, oltre alla spiaggia, alla caletta di Bue Marino e  alla Riserva dello Zingaro, anche l’itinerario storico e artistico che permette di visitare la  Cappella di Santa Crescenzia, il Santuario-Fortezza, il faro, le torri moresche e  la Tonnara. Per gli utenti, inoltre, la pietanza della tradizione per eccellenza da degustare è il cous cous, il piatto della pace,  intorno al quale,  dal  1998 si incontrano popoli di religioni e culture diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *