San Vito Lo Capo, al via “Libri autori e bouganville”.

La rassegna “Libri Autori e Bouganville” è inserita nel programma di eventi “Estate 2019” organizzato dal Comune di San Vito Lo Capo.L’8 luglio torna, a San Vito Lo Capo, “Libri autori e bouganville” . La rassegna letteraria,  voluta dall’amministrazione comunale, promossa dalla Pro Loco e curata e condotta dal giornalista Giacomo Pilati compie, quest’anno, 20 anni aggiudicandosi per longevità e qualità  la vetta delle manifestazioni culturali in Italia. Una nuova veste grafica accompagna il cartellone degli appuntamenti ma la formula, vincente, resta sempre la stessa: un bel libro, un autore disposto a discuterne, a pochi passi dal mare, sotto una rigogliosa pianta di bouganville. Fino al 3 settembre, lo slargo di via Venza, e quest’anno, per due serate, anche il giardino di Palazzo La Porta, sede del Municipio, si anima  delle parole dei più importanti giornalisti e scrittori italiani. Quindici appuntamenti, con inizio alle 21,30.  Ad aprire la rassegna,  lunedì sera, sarà  Catena Fiorello che presenterà il suo ultimo libro  “Tutte le volte che ho pianto”.

«Nata 20 anni fa come una “scommessa”- dichiara il sindaco Giuseppe Peraino-,    quella di proporre degli appuntamenti culturali in un luogo di vacanza, “Libri autori e bouganville” è ormai un appuntamento  fisso, imprescindibile, dell’estate che  ha fatto di San Vito Lo Capo la capitale  estiva delle rassegne letterarie, grazie alla professionalità e alla competenza di Giacomo Pilati e al prezioso supporto della Pro Loco».  Dal 2000 ad oggi, sono stati 300 gli autori che si sono avvicendati per raccontare un libro, una inchiesta, un saggio.

«E’ per me motivo di grande soddisfazione- dichiara Giacomo Pilati- avere dato vita ad una delle prime, e adesso delle più longeve,  manifestazioni culturali di Italia,  da cui è scaturito una sorta di contagio che ha contribuito a farne nascere tanti altri. Una rassegna inserita nei  calendari delle più importanti case editrici,  che scelgono  San Vito Lo Capo per  presentare i loro autori più prestigiosi. Anche Premi Strega e Bancarella- aggiunge Pilati- hanno  esordito nel nostro salotto letterario conquistando  un pubblico di lettori sempre più attento e partecipe».

Per la prima volta la  rassegna,  in occasione delle presentazioni dei libri di  Carlo Palermo e Ninni Ravazza, si sposta a Palazzo La Porta, per due eventi speciali che seguiranno l’incontro con gli autori: lo spettacolo teatrale la memoria degli Innocenti il 24 luglio,  la proiezione del film Diario di Tonnara.    La memoria degli innocenti scritto dal trapanese Giancarlo Figuccio, protagonisti Anna Graziano e Giuseppe Battiloro; un’opera  rappresentata al  Teatro antico di Segesta e al Biondo di Palermo. Un  viaggio fra i luoghi oscuri della repubblica alla ricerca di un riscatto possibile. Il film Diario di Tonnara  prodotto dall’Istituto Luce, tratto dall’omonimo libro di Ninni Ravazza,  in selezione ufficiale al festival del cinema di Roma. Entrambi gli eventi sono gratuiti. Ancora il cinema protagonista  delle rassegna, questa volta con il libro rivelazione “Io marinaro” di  Mario Foderà (29 agosto), da cui è stato tratto il cortometraggio omonimo vincitore del festival del cinema di Venezia, in proiezione nel corso della presentazione in via Venza.  Serata speciale  (11 luglio) anche per Stefania Auci, trapanese, che col suo libro “I leoni di Sicilia”  ha conquistato le classifiche italiane. E poi la grande narrativa con Simonetta Agnello Hornby (17 luglio), con “La Mennulara”,  Catena Fiorello(8 luglio), Roberto Alajmo ( 1 agosto), con “L’estate del ‘78”, Chiara Francini (5 agosto), con “Un anno felice”,  Silvana Grasso ( 7 agosto),  con “La domenica vestivi di rosso”. L’esordio di Diego Adragna (23 agosto) e  il suo libro su san Vito Lo Capo dal titolo “Quando arrivavano con il  carretto”.  Per la  saggistica, Carlo Palermo(24 luglio), con “La Bestia”, Giuseppe Ayala e Alfredo Galasso (26 luglio), con “Il processo di mafia”, Matteo Collura ( 19 agosto), con “Il maestro di Regalpetra”, Ninni Ravazza (9 agosto), con “Storie di corallari” , Pino Aprile (29 luglio9, con “L’Italia è finita”, Mario Giordano (20 luglio), con “L’Italia non è più italiana”.  Chiude la rassegna Luca Trapanese (3 settembre) con  il libro Nata  per te. La storia   dell’adozione da parte di un single quarantenne di una bambina down  che ha commosso l’Italia intera.  Una riflessione dolce   sulla paternità. Ci sarà, infine, un fuoriprogramma il 26 agosto con la presentazione del volume del giornalista marsalese Giacomo Di Girolamo col suo “Gomito di Sicilia”.

foto copertina: archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: