[Politica] Campobello. Siciliani verso la Costituente : “L’Amministrazione e la Sindrome del Marchese del Grillo”

CAMPOBELLO, 31 GEN – “L’amministrazione Comunale sembra essere affetta dalla Sindrome del Marchese del Grillo, si erge a latrice di superbia infallibilità e dalla tribuna cattedratica emana ordinanze che violano palesemente la nostra privacy. Con ordinanza sindacale n°33 del del 24/01/19 si obbligano, a partire dal 1 Marzo, tutti i cittadini di Campobello di Mazara a non utilizzare i famosi sacchi neri per il conferimento dei rifiuti indifferenziati e di adoperare sacchetti trasparenti in modo da consentire una sommaria ispezione dei rifiuti presenti. Il garante della privacy, con le indicazioni sulla raccolta differenziata dei rifiuti del 14 luglio 2005, dispone che non possono essere utilizzati sacchetti trasparenti che mostrano a tutti i nostri consumi violando la privacy dei cittadini, poiché chiunque si trovi a transitare nello spazio antistante l’abitazione, è nelle condizioni di poterne visionare agevolmente il contenuto, mettendo alla mercè di tutti i nostri dati sensibili. Risulta altresì invasiva la pratica ormai comunemente utilizzata nel nostro paese di ispezioni generalizzate e non mirate ad uno specifico sospetto, da parte del personale incaricato, che si rivela altamente lesiva di situazioni giuridicamente tutelate come la libertà e la segretezza della corrispondenza lasciata nei rifiuti. Per quanto riguarda le percentuali di differenziata ed i costi ad essa connessi, ci chiediamo quale utilità abbiano i cittadini virtuosi di questa città. Aumentando la percentuale di differenziata, i costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento diminuiscono e dunque dovrebbe diminuire anche la Tari, come premio per gli ottimi risultati. Nel nostro paese, però, si abbatte un terribile mistero, i rifiuti e i costi diminuiscono ma la tassa aumenta. Tuttò ciò ci induce a pensare che i ricavi della differenziata servono forse per mantenere alcuni Assessori e Consiglieri Comunali che utilizzano il metodo Firreri e ancora, che il sindaco  risparmi i sacchi neri al fine di utilizzarli  per coprire il volto dei nostri concittadini e disorientarli in vista delle prossime elezioni comunali. Sentiamo il dovere morale di condurre, nelle sedi opportune, una battaglia di libertà che salvi il nostro paese dall’oppressione in cui è stato rilegato perché riteniamo che l’amministrazione abbia commesso un feroce abuso nei confronti di tutti i cittadini di Campobello”. Questo quanto affermato dal Consigliere Comunale di Campobello di Mazara Gaspare Passanante, Coordinatore della Valle del Belice dei Siciliani Verso La Costituzione.

Avv. Gaspare Passanante -C.C.  Campobello di Mazara – Coordinatore Valle del Belice – Siciliani verso la Costituente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: