Partanna. Resoconto Annuale del Gruppo Consiliare “Cambia Partanna”

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di Campobellonews.com

Il 25 Settembre appena trascorso, i consiglieri comunali del gruppo di minoranza “Cambia Partanna” hanno presentato, in un incontro pubblico aperto alla cittadinanza partannese, un resoconto annuale delle attività consiliari svolte in questo primo anno di insediamento. Un’occasione anche per confrontarsi direttamente e pubblicamente con i cittadini sulle iniziative e tematiche politiche e amministrative portate avanti in questo anno dal gruppo consiliare. Differentemente da quanto previsto dalle leggi regionali per la figura del Sindaco – che ad oggi non ha ancora ottemperato l’indicazione di legge -, la rendicontazione annuale del gruppo Cambia Partanna é invece una precisa libera scelta ideologica e morale di trasparenza e chiarezza, di confronto con la cittadinanza, svincolata da qualsiasi obbligo di legge e regolamenti comunali di sorta. In quest’ottica é pensata la scelta fatta un anno fa di condividere l’attività di pubblicazione in streaming e diffusione delle sedute consiliari partannesi, iniziativa portata avanti nonostante i costanti problemi di copertura comunale della rete internet dei locali che ospitano le sedute. Un servizio di trasparenza e inclusività della cittadinanza che sembrava dover essere promosso e portato avanti dall’amministrazione, ma che presto é sembrato accantonato.

L’anno appena trascorso è servito al gruppo consiliare per comprendere e studiare da vicino l’azione amministrativa, per avere coscienza di ciò che è stato fatto e con che margini di manovra cercare di realizzare quel tanto che c’è ancora da fare e migliorare. É stato un anno di costante lavoro consiliare con senso di responsabilità, sia intervenendo nelle Commissioni permanenti sia direttamente in Consiglio Comunale, sempre con cognizione di causa e dopo un attento studio delle tematiche proposte di volta in volta.

Tante appunto le tematiche e i settori amministrativi che hanno visto i consiglieri di minoranza impegnati – con un atteggiamento di critica costruttiva nei confronti delle scelte della Giunta comunale – nell’utilizzare gli strumenti politici e amministrativi a disposizione per migliorare le possibilità di sviluppo e crescita della comunità attraverso la tutela dei diritti civici dei concittadini sui servizi sociali, sul decoro urbano, sicurezza pubblica e sviluppo economico locale. Le interrogazioni presentate dal gruppo nell’arco di questo primo anno di attività consiliare sono state infatti circa 60, dagli argomenti e segnalazioni più disparate che coinvolgono la comunità partannese.

Non è mancato il forte dissenso e diversità di vedute politiche con l’Amministrazione comunale, specialmente in ambito gestionale economico-finanziaria, contrastando le decisioni prese dall’amministrazione, perché talvolta non ritenute prioritarie rispetto ai bisogni della collettività e alle problematiche presenti nel nostro territorio. I bilanci presentati negli anni sono ritenuti dal gruppo consiliare anche frutto di precise scelte politiche fatte dall’Amministrazione comunale negli ultimi 6 anni, e queste scelte oggi sono ben visibili nei risultati che si presentano agli occhi e nelle tasche dei cittadini partannesi, che vedono spesso un decoro urbano carente, criticità sulla sicurezza negli edifici scolastici e pubblici, manutenzioni straordinarie a cadenza saltuaria e occasionale delle strade e dei servizi pubblici proposte dall’amministrazione come ordinarie, aggiornamento della toponomastica etc…

Diverse le interrogazioni presentate che a distanza di diversi mesi sono rimaste senza risposta da parte dell’Amministrazione. Il consigliere Francesco Crinelli ad esempio non risulta avere delle risposte ufficiali e chiare riguardo la pista pedonale di Via Papa Giovanni XXIII, la richiesta di analisi sulle acque pubbliche, non ultima la richiesta di risposta su alcuni lavori di urbanizzazione della viabilità, che ha portato a una conseguente segnalazione al prefetto competente.

Il Consigliere Crinelli ha inoltre sollecitato e segnalato la situazione degli edifici scolastici partannesi, privi dei Certificati di Prevenzione Incendi, assenti in tutti i plessi, con conseguenti rischi per alunni e personale.

Il gruppo consiliare é attivo inoltre nel vigilare e porre l’attenzione sulle scelte di carattere politico che caratterizzano la realizzazione e la gestione delle ormai famose Estati Partannesi. Tante sono le questioni che devono essere chiarite, come la sorveglianza dei Vigili del Fuoco e la salvaguardia igiene pubblica in occasione dello Street Food Fest. Ma soprattutto rimane poco chiaro l’ammontare reale delle manifestazioni estive e come esse debbano essere finanziate. Queste manifestazioni hanno comportato prelievo di somme dal bilancio comunale? Comporteranno ulteriori tagli dei servizi cittadini?

Il gruppo consiliare ha inoltre già inoltrato alle istituzioni preposte le dichiarazioni di non appartenenza ad alcuna loggia massonica, come previsto per legge. Consapevoli del fatto che l’appartenenza alla massoneria non sia in sé né una macchia né una medaglia, ma proprio per questo si è presa la decisione di renderle pubbliche, per trasparenza e correttezza nei confronti dei cittadini. Un’azione e una scelta questa che sembra non essere condivisa nella maggioranza, che ha preferito non seguire l’esempio di Cambia Partanna.

Seppure il gruppo consiliare ha visto interventi corali o trattati di concerto attraverso differenti punti di vista, ogni consigliere ha approfondito specifiche tematiche. La Riqualificazione Urbana e Sviluppo Sostenibile del territorio sono argomenti fondamentali dell’agenda politica del gruppo consiliare di Cambia Partanna. Le tempistiche e l’avanzamento nell’approvazione del nuovo Piano Regolatore Comunale sono tematiche approfondite dal Consigliere Valeria Battaglia – che con il passaggio di consegne del Consigliere Francesco Crinelli sarà la nuova capogruppo in Consiglio Comunale -, così come la progettazione e l’attuazione di un piano di smaltimento dell’amianto ancora presente nel territorio partannese, con tutti i pericoli per la salute e la sicurezza che la mancata bonifica comporta. Il Consigliere Battaglia non é mancato nel vigilare sull’azione politica dell’amministrazione nel settore finanziario comunale e di bilancio, intervenendo sul Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità e sul Fondo Contenzioso,  o su determinati debiti fuori bilancio che talvolta potevano essere evitati se solo ci fosse stata un’azione amministrativa efficace, pianificata e lungimirante. Forti le sue perplessità sui documenti di rendicontazione e programmatici dell’amministrazione e la loro trasparenza, dove si possono talvolta notare l’esistenza nel territorio comunale servizi mai realizzati o irrealizzabili nel nostro comune come giardini zoologici, orti botanici, acquari, spiagge, villaggi turistici e alberghi, tutti presenti sulla carta, ma non nella realtà, frutto di evidente approssimazione nel redigere questi importanti documenti.

Il sociale e l’inclusività sono invece le tematiche principalmente trattate dal Consigliere Maria Elena Bianco, occupandosi per esempio dell’organizzazione di mense scolastiche locali, accessibilità dei diversamente abili negli edifici pubblici comunali e l’abbattimento delle barriere architettoniche in ambito cittadino, l’attuazione di politiche plastic-free comunali in ottemperanza alla imminenti direttive europee. Recentissima inoltre la presentazione lo scorso 23 Settembre della mozione per l’accesso a finanziamenti regionali per la realizzazione di parchi giochi inclusivi anche per i diversamente abili. Non è mancata l’attività al di fuori del Consiglio comunale con la realizzazione di attività come l’incontro su sport motociclistici e disabilità e attività di sensibilizzazione alla lettura.

Lo sviluppo economico e le opportunità offerte dal settore giovanile e rurale é la tematica che ha principalmente visto il consigliere Davide Traina impegnarsi su diversi fronti come l’attuale condizione del Mercato del Contadino, inaugurato poco prima delle elezioni del 2018 e subito dopo abbandonato e mai veramente sfruttato dalla precedente (nonché attuale) amministrazione. Così come inattuato e dimenticato é il Social Market di Vallesecco, che doveva favorire l’incontro tra le esigenze di famiglie meno abbienti e i produttori agricoli, con duplice obiettivo nobile di sostegno sociale e promozione della filiera corta. Di recente il consigliere ha presentato anche una mozione, poi approvata, per l’adesione del Comune al progetto SIBaTer. Si tratta di un progetto grazie al quale sarà possibile favorire l’imprenditoria giovanile nei settori agricolo, turistico-ricettivo ed industriale, riqualificando proprietà comunali (terreni ed altri immobili) con il sostegno finanziamenti nazionali e comunitari. Le istruzioni sull’implementazione del progetto SI.Ba.Ter. saranno gratuite ed arriveranno, ai nostri uffici comunali designati dalla deliberazione di Giunta, direttamente dall’ANCI (Associazione Italiana Comuni Italiani).

Un primo anno trascorso che fa prevedere una prosecuzione di costante crescita e incisività dell’azione politica del gruppo consiliare Cambia Partanna in parallelo con le attività e iniziative socio-culturali dell’Associazione omonima. Un’azione politica caratterizzata dal confronto interno ed esterno, alla costante ricerca di soluzioni e politiche di “buone pratiche” e di “progetti virtuosi” che possano migliorare il territorio ma soprattutto la comunità civica partannese.

Il Gruppo Consiliare “Cambia Partanna”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: