[Lavoro] Aziende che assumono: offerte di lavoro aperte nel 2016

lavoro

REDAZIONE, 07 LUG – L’occupazione giovanile sembra essersi riattivata: nei primi mesi del 2016 è stato registrato un tasso di assunzioni dei più giovani che non si vedeva da tempo. Molti contratti a tempo determinato e stage  sono stati trasformati in veri e propri contratti a tempo indeterminato.

Quali sono le aziende protagoniste di questa crescita di assunzioni e quali le offerte di lavoro? A rendersi protagoniste di  questo cambiamento sono soprattutto le società di consulenza, ossia quelle che forniscono servizi alle imprese e che hanno maggiori difficoltà a reperire i professionisti di cui necessitano nel mercato del lavoro. Tra queste spiccano  Bip, Marsh, Mercer, Spindox, Assioma.net  ed Everis: tali aziende sono riuscite a dare allo stage il suo vero senso, ossia quello di mettere alla prova e insegnare le competenze a persone giovani, in vista di una futura collaborazione stabile e continuativa.

In questa prima metà dell’anno le aziende di consulenza hanno usato lo strumento dello stage come momento di formazione, sino ad assumere il 90% degli stagisti. Si tratta di un dato davvero importante se paragonato alla media del 13% delle aziende italiane. Questo boom tuttavia rimane legato a un piccolo gruppo di aziende, ossia quelle appena nate ed in forte espansione, oltre che caratterizzate  da una forte componente di innovazione: tutte queste caratteristiche legate alla novità rendono difficoltoso il reperimento di lavoratori già formati e con esperienza alle spalle nello stesso settore (a causa del ritardo che le università hanno ad adeguarsi alle nuove tecnologie), ed è per questo che chiunque ha la possibilità di essere assunto, purchè desideroso di apprendere nuove competenze (tramite lo stage).

A causa della crisi sono molte le imprese che hanno abusato di questo contratto atipico, passando spesso da un stagista all’altro, senza davvero considerare l’ipotesi di eventuali assunzioni. Le nuove aziende, però, per crescere stanno davvero puntando sui ragazzi che reclutano, sperando di poterli fare entrare nel loro team. I più volenterosi non devono nemmeno aspettare la fine dello stage: spesso vengono assunti prima, poiché questi primi mesi di inserimento sono visti soltanto come una fase di avvio volto all’insegnamento delle competenze, un momento di inizio in cui insegnare il lavoro, che frequentemente è innovativo.

Tra le lauree più gettonate per questi inserimenti lampo spiccano quelle in ingegneria, in economia e psicologia del lavoro.

di Angelo Vargiu

Angelo Vargiu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: