Ipab di Marsala: lavoratori senza stipendio da quaranta mesi e rischio chiusura della struttura che ospita gli anziani.

La Camera del lavoro di Marsala  e la Funzione pubblica  si mobilitano a salvaguardia dei livelli occupazionali 

TRAPANI, 26 SET – Lavoratori senza stipendio da quaranta mesi e una struttura in deficit che rischia di chiudere. A lanciare l’allarme sulla grave situazione dell’Ipab “Giovanni XXIII” la casa di riposo di Marsala che ospita anziani, sono la locale Camera del lavoro e la Funzione pubblica Cgil di Trapani che si sono mobilitate per difendere i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori e degli ospiti della struttura.

L’Ipab, in grado di accogliere 120 anziani, ospita al momento 24 e conta su una forza lavoro di 15 dipendenti assunti a tempo indeterminato e 5 lavoratori a tempo determinato che, oltre a non percepire lo stipendio rischiano di perdere il lavoro per la possibile chiusura dell’Ente, che ha una passività di circa 3 milioni di euro.

“Chiudere la struttura – dicono i segretari della Cgil di Marsala Piero Genco e della Fp Cgil di Trapani Vincenzo Milazzo – è impensabile a fronte dell’importante ruolo sociale che l’Ipab svolge a servizio della popolazione anziana e dei posti di lavoro che verrebbero cancellati”.

La Cgil e la Funzione pubblica chiedono alle Istituzioni immediate azioni per scongiurare la chiusura del “Giovanni XXIII” e di tutte le Ipab del territorio trapanese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: