[Indagine Scrigno] Campobello. Lo Curto (UDC), dopo intercettazioni di indagine Scrigno, UDC valuterà ogni azione per garantire igiene politica al Comune

PALERMO – “Comprendo la polemica politica nei confronti di un sindaco avversario, ma da quì a fare illazioni gratuite sul mio ruolo e su quello dell’Udc bisogna davvero stare attenti soprattutto quando si maneggiano senza particolari competenze le intercettazioni pubblicate a seguito dell’operazione “Scrigno”. Personalmente non ho mai avuto una realtà elettorale degna di nota a Campobello di Mazara e con l’attuale sindaco mi sono incontrata solo dopo le sue elezioni, in una scuola, dal Prefetto di TP e il giorno in cui si è costituito il gruppo consiliare Udc. Proprio la recente costituzione del gruppo consiliare a sostegno di Giuseppe Castiglione, peraltro avvenuta prima che scoppiasse il caso giudiziario, non può intaccare minimamente la buona fede con cui abbiamo agito e costituisce l’epilogo di un percorso politico al quale hanno preso parte anche esponenti della lista che si contrappose al sindaco eletto. Non mancherà certamente né a me, né al partito, assumere tutte le iniziative necessarie per garantire una igiene politica, soprattutto dopo che sono emersi fatti che hanno rilevanza dal punto di vista investigativo e mediatico, nonostante non risulti ad oggi indagato il primo cittadino. In ogni caso è un dovere dell’Udc avviare una riflessione seria per valutare ogni atto da porre in essere”.

Lo afferma Eleonora Lo Curto (nella foto), capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: