[Iacp ] Trapani. Finanziati, dalla Regione Siciliana, sei progetti di manutenzione straordinaria.

REDAZIONE, 03 GEN – La notifica dei decreti è avvenuta lo scorso 31 Dicembre. I fondi stanziati ammontano a circa 500 mila euro e sono destinati a: Castelvetrano: manutenzione straordinaria via Benavides lotto 6 – 234 mila euro; Marsala: manutenzione straordinaria edifici a schiera contrada Birgi Nivaloro – 125 mila euro; Erice:  manutenzione straordinaria edificio contrada Napola – 51 mila 206 euro; Pantelleria: manutenzione straordinaria per rifacimento rete fognante palazzine via Villa – 36 mila 163 euro; Vita: manutenzione straordinaria alloggio viale Europa 40 – eliminazione pericolo pubblica e privata incolumità – 37 mila 912 euro; Salemi: manutenzione straordinaria contrada Cuba lotto 1 scala A e B – 50 mila 027 euro.

I progetti ammessi a finanziamento sono stati tutti elaborati dall’Area Gestione Patrimonio dell’ente servizio Programmazione Tecnica.

“Certamente – commenta il direttore generale Pietro Savona (a sx nella foto) – cominciamo il nuovo anno nel modo migliore, avendo ottenuto fondi indispensabili per recuperare edifici popolari di nostra proprietà e per restituire vivibilità agli occupanti dei relativi alloggi. Ancora una volta è stata premiata la capacità dei nostri uffici a sapere progettare interventi per il recupero e il risanamento edilizio delle nostre palazzine.

A breve avvieremo le procedure di gara per l’affidamento dell’esecuzione delle opere che pensiamo di potere concludere entro la prossima estate, rispettando i tempi previsti dai decreti di finanziamento”.

“L’Ente Iacp Trapani – dice a sua volta il commissario straordinario avv. Ettore Foti  (a dx nella foto)– ancora una volta risulta capace di dare risposte immediate e concrete alle aspettative dei propri assegnatari, lavorando in  perfetta sinergia con gli uffici dell’assessorato regionale alle Infrastrutture. Indubbiamente nel corso del  2019 l’Iacp continuerà a non distrarsi e semmai a restare parecchio attento ai bisogni dei propri utenti ma  anche delle comunità. Recuperare alla vivibilità spazi urbani significa non solo rendere degni di accoglienza rioni popolari ma anche riconquistare aree a servizio del territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: