Campobello. Manutenzione e pulizia all’interno delle Cave di Cusa

REDAZIONE – Iniziati gli interventi di pulizia presso l’area archeologica Cave di Cusa “Vincenzo Tusa”, sito archeologico situato nel territorio di Campobello di Mazara, parliamo della scerbatura, messa in sicurezza dal punto di visto antincendio, manutenzione e pulizia in genere.

Si tratta delle cave di pietra caratterizzate da banchi di calcarenite estesi lungo circa 2 km in prossimità della costa, da cui veniva estratto il materiale per le costruzioni selinuntine. Esse furono in uso dal VI secolo a.C. fino alla sconfitta dei greci da parte dei cartaginesi nel 409 a.C. L’elemento più significativo che vi si nota è la brusca interruzione dei lavori di estrazione, di lavorazione e di trasporto dei rocchi di colonna, dovuta alla minaccia che incombeva sulla città nel 409 a.C. per l’improvviso sopraggiungere dell’esercito cartaginese.

L’intervento è stato disposto dal Parco Archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria, su impulso dell’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà.

“Stiamo lavorando per valorizzare il nostro immenso patrimonio culturale, promuovendo la conoscenza delle nostre bellezze – sottolinea Alberto Samonà, assessore regionale della Lega, ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana – e assicurando le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione del patrimonio stesso, al fine di incentivare lo sviluppo della cultura.”

“Le Cave di Cusa rappresentano la memoria storica, la testimonianza archeologica, la cui identità è continua da oltre due millenni, – conclude Giuseppe Miccichè coordinatore di Lega Giovani per la Sicilia occidentale – si tratta di un patrimonio che deve rappresentare concretamente una possibilità di sviluppo per il territorio limitrofo, per tutta la Sicilia e per tutti quei giovani che credono nelle potenzialità del nostro territorio.”

Questo slideshow richiede JavaScript.

(Nella foto copertina: da sx. :Alberto Samonà, assessore regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana –  a dx.: Giuseppe Miccichè coordinatore di Lega Giovani per la Sicilia occidentale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: