Campobello, La coalizione di Maggioranza replica al gruppo Io Amo Campobello

«Nessuna opposizione costruttiva, sempre e solo illazioni pretestuose per screditare l’operato dell’Amministrazione».

 vice -sin-pres

CAMPOBELLO, 09 FEB – Ancora una volta, il gruppo politico “Io amo Campobello” non perde occasione per buttare fango sulla comunità campobellese. Questa volta, però, il tentativo di denigrare l’operato dell’Amministrazione è arrivato in ritardo, visto che, in concomitanza, con l’uscita dell’articolo “Tre Fontane, il lungomare della vergogna”, il Sindaco poneva all’attenzione degli organi di stampa la notizia della esecutività del progetto di messa in sicurezza del lungomare di Tre Fontane.

Il progetto, nei prossimi giorni, sarà approvato in via amministrativa dalla Giunta Comunale, che provvederà a stanziare le risorse finanziarie necessarie, pari a 270.000 euro. L’Amministrazione comunale provvederà anche alla sostituzione dei corpi illuminanti collocati nel centro di Tre Fontane e di Torretta Granitola, che costerà alle casse comunali altri 150.000 euro. L’Amministrazione è costretta dunque a intervenire, con le proprie risorse, visto che nulla è stato fatto negli ultimi anni dalle amministrazioni precedenti, né tantomeno dalla Regione, per affrontare il grave problema dell’erosione costiera. Nel documento di “Io amo Campobello” si accusa inoltre il Sindaco di aver fatto ricorso ad interventi urgenti in tema di rifiuti, emanando ordinanze sindacali che – sempre a dire del Movimento – nasconderebbero chissà quali interessi economici. Si tratta, anche in questo caso, di un’illazione pretestuosa e volta esclusivamente a screditare l’operato del Sindaco. Il ricorso all’art.191 del Testo unico Ambientale è infatti previsto dalla legge a tutela della salute pubblica e si è reso indispensabile visto il perdurare del disservizio da parte della Belice Ambiente, che ha praticamente messo in ginocchio tutti gli 11 comuni dell’Ato TP2. Tali interventi, peraltro, sono stati assunti da quasi tutti i sindaci dell’Ambito territoriale, che altrimenti avrebbero visto la propria città praticamente invasa dai rifiuti con gravi conseguenze per il decoro urbano e per la salute dei cittadini.

Sempre con l’obiettivo di screditare l’operato del Sindaco, in questi giorni si è verificata un’altra “stranezza”, cioè che un “fotografo in erba” abbia preso di mira il nostro territorio, elargendo consigli e valutazioni gratuite e non richieste, quando farebbe meglio ad occuparsi dei problemi del suo territorio, che soffre di tantissime problematiche, come quasi tutti i comuni della Sicilia. Che tutto questo sia una coincidenza sembra difficile, è più credibile piuttosto che queste attenzioni facciano parte di un disegno volto a denigrare la nostra città e il tentativo da parte dell’amministrazione e del Sindaco di intervenire, tra tante difficoltà, proprio al fine di rilanciarla,  ponendo rimedio alle quotidiane emergenze. La gestione commissariale ha, infatti, lasciato il territorio in stato di abbandono, non intervenendo sulle più banali opere di manutenzione, con l’aggravante che non arrivano, da tempo, sovvenzioni nazionali e regionali. Pertanto, l’Amministrazione Castiglione, sin dal suo insediamento, si è subito attivata attraverso una programmazione volta a dare lustro al nostro territorio e già nei prossimi mesi si apriranno i cantieri per la realizzazione del Cine-Teatro in viale Risorgimento, per la realizzazione delle fognature nella località di Tre Fontane e per l’ampliamento del depuratore. In riferimento, infine, al “toto assessori” di cui parla sempre “Io Amo Campobello”, si ricorda a questa cittadinanza, che tale gruppo politico, sin dalle primissime ore dall’elezione del Sindaco, si è posto nei confronti di tutta la coalizione, come l’Asso Piglia Tutto, pretendendo la Presidenza del Consiglio, la presenza in Giunta, ruoli Dirigenziali, per non dire altro. Richieste che non potevano certo riscontrare l’approvazione da parte della Coalizione. Quindi, non si accettano atti di moralismo politico da parte di chi predica bene ma, ahimè, razzola male.

PSI – PD – Democrazia e Libertà – Articolo 4 – Nuovo Centro Destra: I consiglieri comunali (Nella foto da sx: v. Presidente C.C. P. Di Stefano, sindaco G. Castiglione, presidente C.C.: S. Tumminello).

 [redazione]

[useful_banner_manager banners=29 count=1]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: